Tu sei qui

MotoGP, Jerez: Vinales ancora una volta re dei test, 2° Rins e 3° Mir

I TEMPI - Nakagami è 4°, mentre Marquez ha completato solo 7 giri. Marini chiude 8° davanti a Morbidlli e Bagnaia, 12° Rossi

MotoGP: Jerez: Vinales ancora una volta re dei test, 2° Rins e 3° Mir

Share


18:00 - Maverick Vinales non si è smentito e ancora una volta è stato imprendibile nei test, siglando il miglior tempo in 1’36”879. Lo spagnolo non è stato solamente veloce, ma non si è risparmiato nemmeno sulla distanza completando 101 giri, più di chiunque altro. L’unico pilota ad avvicinarsi al tempo di Maverick è stato Rins, 2° a 34 millesimi. Alex (come il suo compagno di squadra Mir, 3° a 0”431) ha anche provato il prototipo del motore 2022, come era già successo nei test in Qatar.

Per la Honda, a fare il grosso del lavoro è stato Nakagami, che ha utilizzato una nuova carena e anche un telaio inedito. Le condizioni fisiche di Marquez non gli hanno permesso di sfruttare a pieno la giornata e Marc ha fatto appena 7 giri, terminando il test con il 16° tempo, dietro al fratello Alex. Tanti giri, invece, per Pol Espargarò, buon 6° dietro a Zarco.

Tanto lavoro anche per Miguel Oliveira, che sta cercando di adattare la KTM alle gomme anteriori Michelin più morbide di quelle dell’anno scorso. Il portoghese ha terminato la giornata al 7° posto davanti a un convincente Luca Marini sulla Ducati. Il pilota del team Sky Avintia ha chiuso i test davanti ai due compagni di Academy Morbidelli e Bagnaia.

Valentino Rossi aspettava con ansia questi test per cercare di trovare una soluzione ai suoi problemi. È presto per dire se ci sia riuscito, ma ha lasciato Jerez con il 12° tempo, dietro a Binder e davanti a Bastianini. Aleix Espargarò è 14°, ma con soli 12 giri: lo spagnolo dell’Aprilia è caduto sull’olio lasciato dalla M1 di Vinales e poi ha preferito volare a Barcellona per degli esami al braccio destro, per un riacutizzarsi della sindrome compartimentale. Continuando con la classifica, Leciona è 17° davanti al vincitore del GP Miller, Petrucci, Rabat e Savadori.

Il migliore del lunedì è stato Maverick Vinales, capace di mettere tutti in riga in sella alla sua M1:  “Ho lavorato principalmente sul bilanciamento, in modo da trovare le giuste sensazioni in frenata – ha detto lo spagnolo - sono molto felice per il crono, dato che sono riuscito a essere veloce, nonostante le condizioni del tracciato. Al pomeriggio ho sfruttato la gomma dura, cercando di migliorare e sono ottimista per Le Mans”.

Vinales è stato l’unico ad andare oltre le 100 tornate: “Ho lavorato molto sulla moto e me stesso, cercando di frenare al meglio ed essere il più possibile preciso. Questa è stata la mia migliore giornata in sella alla moto, dato che sono riuscito a essere veloce e ho la fiducia che serve per il prossimo Gran Premio in Francia”.

Ovviamente c'è del rammarico per come è andata ieri: "Abbiamo guardato con attenzione i dati di tutte le altre Yamaha. Perdevo molto in frenata, mentre ora la situazione è nettamente migliorata. Ho maggiore fiducia con la gomma anteriore in vista del prossimo GP"

Al termine del lunedì non manca la soddisfazione per quanto fatto da parte di Enea Bastianini: “È stato un test molto positivo – ha commentato il romagnolo - siamo partiti forte, lavorando sulla moto, in modo da fare meno fatica con le gomme usate. Abbiamo migliorato molto, in particolare nella fase conclusiva della giornata, dove sono riuscito a essere veloce, senza fare fatica. Non ho cercato il giro secco – ha aggiunto – ma vado comunque a casa soddisfatto e consapevole di poter fare bene a Le Mans con l’intento di ritrovare le stesse sensazioni riscontrate in questo lunedì”.

17:30 - La classifica a mezz'ora dalla fine della giornata, al momento in pista c'è il solo Nakagami.

17:25 - Joan Mir ha terminato i test, ecco i suoi commenti: "devo essere onesto: è stata una giornata particolarmente buona. Abbiamo lavorato sulle geometrie della moto per migliorare la fiducia nell'anteriore, riuscire e sentire più la gomma, e ci siamo riusciti, sarà molto importante per la gara di Le Mans. Abbiamo cercato un compromesso, agendo su setting e sospensioni, e sono stato sopreso del mio ritmo con le gomme usate. Ho voluto anche provare il motore 2022 dopo il Qatar e sono soddisfatto anche su questo punto. Non si tratta di un enorme passo avanti, ma non aspettavo che lo fosse, però in Giappone stanno lavorando bene e stiamo andando nella giusta direzione".

17:14 Valentino Rossi si prende la 12^ piazza a oltre otto decimi dalla vetta, quando mancano 45 minuti al termine della sessione. Davanti a lui c'è la KTM di Brad Binder.

17:08 Nel frattempo passo avanti anche per la KTM di Binder che si porta in undicesima posizione a ridosso della top ten, distante soli 8 millesimi.

17.05 Fuoco alle polveri in questa ultima ora di test a Jerez con Nakagami che si prende la quarta posizione a 469 millesimi dalla vetta.

17:00 - La classifica aggiornata a un'ora dalla fine della giornata di test.

16:55 - Luca Marini migliora e si porta all'8° posto con il tempo di 1'37"559.

16:30 Nessun cambiamento nei piani alti della classe, dove Vinales resiste saldamente al comando, arrivando a sfiorare i 100 giri. Alle sue spalle Rins che ha già terminato la propria giornata. 

16:26 Altro passo in avanti per Enea Bastianini (+0.838), che ora è decimo alle spalle della Ducati di Pecco Bagnaia. Nel frattempo anche Lecuona si migliora, agganciando la 17^ piazza davanti alla GP21 di Miller. 

16:22 Enea Bastianini si migliora ed è 11° a soli 6 millesimi dalla top ten, detenuta in questo momento dalla Aprilia di Aleix Espargarò

16:20 Valentino Rossi rientra ora ai box, mentre scende in pista Enea Bastianini.

16:15 Maverick Vinales non si ferma e arriva a sfiorare le 90 tornate nel lunedì di Jerez. In pista ora Rossi.

16:10 A meno di due ore dalla conclusione, Maverick Vinales è il pilota che ha girato più di tutti con ben 83 tornate. 75 invece per Zarco.

16.03 Colpo di reni di Maverick Vinales che si prende la vetta in 1'36"879, grazie a un margine di 34 millesimi rispetto a Rins. 

16:00 Due ore al termine dei test del lunedì a Jerez! Al momento regge il riferimento siglato dalla Suzuki di Rins in 1'36"913. Lo spagnolo è stato l'unico in grado di abbattere il muro dell'1'37".

15:50 Torna in azione in questo momento anche Valentino Rossi, che ha all'attivo 50 tornate. Il pilota che ha girato più di tutti è Vinales con 79 giiri.

15:48 In pista anche la Honda di Nakagami.

15:45 In questo momento ci sono in pista quattro piloti, ovvero Vinales, P. Espargarò, Bastianini e Savadori. Nessuno di questi si sta migliorando per ora. 

15:43 Risale la china anche Valentino Rossi (+1.245), che ora è 14° davanti alla Honda di Marc Marquez.

15:42 Mir inizia a spingere e sale in terza posizione a meno di quattro decimi dalla vetta.

15:40 Joan Mir si migliora, portando il proprio gap dalla vetta a 628 millesimi, anche se rimane sempre in sesta posizione alle spalle di Miguel Oliveira. Passo avanti anche per Rossi, che porta il proprio gap a 1 secondo e 595 millesimi, limando un decimi alla prestazione precedente. Il Dottore resta però in 17^ posizione.

Alex Rins ha chiuso in anticipo la giornata e rilasciato le seguente dichiarazioni:Sono contento, dato che oggi il passo è stato più veloce rispetto a ieri in gara. Adesso vado a Barcellona per effettuare dei controlli alla spalla a seguito della caduta rimediata sabato in FP4. Avverto un po’ di dolore, è più o meno simile a quello di quando sono caduto lo scorso anno, anche se meno inteso. Farò comunque dei controlli, in modo da valutare le condizioni di salute in vista di Le Mans. Il lavoro svolto?  Ho voluto provare il motore 2022 su un’altra pista dopo il Qatar e va bene, inoltre ho cercato di migliorare la fiducia con l’avantreno e l’assetto base”.

15:30 C'è sempre Alex Rins con la Suzuki a guidare la classifica, quando le lancette dell'orologio segnano le 15:30 a Jerez. Lo spagnolo precede la Yamaha di Vinales, poi la Ducati di Zarco, incalzata a sua volta dalla Honda di Pol Espargarò. 14° Marc Marquez, 17° Rossi.

14:55 - Luca Marini migliora il suo crono, ora è 13° davanti a Marc Marquez.

14:40 - La classifica aggiornata con Pol Espargarò al 4° posto.

14:05 - In pista le Ducati di Miller, Zarco e Rabat dopo la pausa pranzo.

14:00 - Yamaha ha comunicato ufficialmente che Fabio Quartararo non prendrà parte ai test di oggi perché si sottoporrà a un controllo medico dopo i problemi al braccio avuti ieri.

13:55 - Termina prima del dovuto la giornata di test di Aleix Espargarò. Lo spagnolo ha sofferto qualche problema fisico dopo la caduta ed ha preferito fermarsi ai box. Lo spagnolo andrà a Barcellona per sottoporsi ad un controllo accurato al braccio destro per un possibile riacutizzarsi della sindrome compartimentale. Invariata la classifica, con Marquez sempre fermo ai box. 

13:30 - Alex Rins strappa il miglior tempo, primo pilota a scendere sotto il muro del 1'37. Zarco terzo alle spalle di Vinales, in 4a posizione Pol Espargarò. Solo 7 giri per Marc Marquez, che continua a non stressare troppo il braccio. 17° tempo per Valentino Rossi, che non sembra ancora trovare il bandolo della matassa. 

13:00 - Il leader di classifica Maverick Vinales ha avuto un problema tecnico con la sua M1. L'olio perso in pista ha causato la caduta di Aleix Espargarò. Questa la classifica attuale, con Pol Espargarò che è risalito in 4a posizione.

12:20 - Non cambia molto la classifica in vetta con Vinales e Rins che conducono le danze. Migliora Oliveira ora 3° davanti alla prima Ducati in classifica, ovvero quella di Zarco. E' entrato in pista anche Marc Marquez.

11:40 - Avanzano in classifica i due piloti Suzuki, con Rins ora secondo e Mir 4°. Non è stato un inizio di stagione esaltante per la coppia di piloti della Casa di Hamamatsu

11:35 - Sta facendo tanti giri Tito Rabat, chiamato a sostituire Jorge Martin in Ducati Pramac. Lo spagnolo ha già messo assieme 26 giri e sta continuando a girare.

11:33 - Vinales si migliora, ed anche nel secondo tentativo fioccano i caschi rossi. Lo spagnolo della Yamaha al momento resta il riferimento. Ancora ferma al box l'Aprilia con Aleix Espargarò

Pochi ancora i piloti in pista e pochi i big. Il migliore finora è Maverick Vinales. Marquez non è entrato, ma lo aveva già detto ieri che avrebbe fatto pochi giri. Non ci sono nemmeno i ducatisti Miller e Bagnaia, né tantomeno Quartararo che ieri ha sofferto di un problema all'avambraccio destro o Morbidelli.

Articoli che potrebbero interessarti