Tu sei qui

MotoGP, Bagnaia: "Non devo pensare al campionato o andrò più lento"

"Oggi era la giornata di Miller, si è meritato la vittoria. Questa doppietta è bellissima, forse sono stato troppo calmo nei primi giri per gestire le gomme"

MotoGP: Bagnaia: "Non devo pensare al campionato o andrò più lento"

Share


La doppietta di oggi per Ducati è storica, era dal GP di Brno del 2018 che non succedeva, e, se non bastasse, può festeggiare anche il primo posto in campionato di Bagnaia. Al piemontese manca ancora una vittoria in MotoGP, ma ha scalato la classifica a suon di podi e questo è particolarmente speciale per lui.

È un secondo posto migliore di quello di Portimao - spiega Pecco - Lì avevo usato la stessa moto del Qatar ed era andato molto bene, mentre qui a Jerez abbiamo dovuto lavorare molto. Oggi avevo delle sensazioni incredibili in sella, ma forse sono stato un po’ troppo calmo nei primi giri. Davanti stavano tenendo un ritmo abbastanza al limite e io ho preferito tenermi un po’ di margine per non consumare le gomme, ho iniziato a spingere dopo qualche giro”.

Non c’era verso di vincere?
Mi sarebbe piaciuto, ma oggi era evidentemente la giornata di Jack e si è meritato questa vittoria. Ho cercato di andarlo a prendere, ma quando mancavano 2 giri alla fine ero veramente al limite con la gomma anteriore, ho dovuto rallentare e rischiare il meno possibile. Comunque è bello avere fatto una doppietta, dà motivazione, se tutte le gare andassero come questa sarei contento. Dobbiamo rimanere concentrati, questa era una pista ostica per la Ducati, le prossime saranno migliori per noi”.

Ti aspettavi di trovarti in testa al campionato dopo 4 gare?
Nell’inverno avevo lavorato molto, sia sul fisico che sulla mia mentalità, ma non mi aspettavo di partire così bene, puntavo a stare nei primi 5”.

Qual è la sensazione?
Naturalmente sono contento, ma è appena successo e mi servirà un po’ di tempo per realizzare che sono il leader del campionato. Siamo solo all’inizio, mancano ancora 16 gare, e se inizierò a pensare al campionato sarò più lento. Oggi siamo stati anche fortunati, perché se Quartararo non avesse avuto problemi avrebbe vinto, ha dominato il fine settimana. È anche vero che per vincere il titolo bisogna essere anche fortunati”.

Ti senti pronto a lottare per questo campionato fino alla fine?
Come ho detto, ho lavorato per riuscire a rimanere più concentrato, il mio obiettivo è essere il più costante possibile. Forse, se mi fossi trovato nella situazione di oggi lo scorso anno, sarei caduto, quindi ho fatto un passo in avanti. Ora arriveranno circuito dove potremo essere più forte e devo pensare gara per gara, lavorare per migliorare la moto. In questo momento non posso concentrarmi sul campionato, ma pensare solo a divertirmi”.

Questa sera festeggerai insieme a Miller?
So già che con Jack mi aspetterà una cena molto difficile! Mi ricordo che nel 2019, in Australia, dopo il suo podio, si è arrabbiato per tutta la sera perché non bevevo tequila (ride)”.

 

Articoli che potrebbero interessarti