Tu sei qui

SBK, BSB: G.Irwin svetta a Silverstone, forti le Yamaha, Brookes a terra

L'alfiere Honda Racing UK in testa nell'ultimo giorno di test con tanto di record della pista. Secondo Tarran Mackenzie, terzo Danny Kent. Ritmo superlativo per Jason O'Halloran, bene anche Kyle Ryde. Scivolato il Campione in carica

SBK: BSB: G.Irwin svetta a Silverstone, forti le Yamaha, Brookes a terra

Share


Messa finalmente la parola fine sulla lunga pausa invernale, nel circus del campionato d'oltremanica la voglia di ripresentarsi in pista era tanta. A conferma di questa tesi, nel secondo giorno di test ufficiali (il cosiddetto "BSB Test Tour", organizzato direttamente dal promoter MSVR) del British Superbike sul layout 'National' di Silverstone si è incominciato a fare sul serio. Tra certezze e qualche sorpresa, le quattro sessioni odierne hanno visto salire in cattedra Glenn Irwin, con Jason O'Halloran letteralmente imprendibile in termini di ritmo e Josh Brookes finito a terra nel finale.

Glenn Irwin in testa

In cerca di riscatto in seguito all'amaro epilogo del 2020 e apparentemente lontano dai riflettori nei turni precedenti, il portacolori Honda Racing UK ha ottenuto la miglior prestazione fermando il cronometro sul 53"139. Ampiamente sotto al record della pista siglato lo scorso anno da O'Halloran in 53"342, malgrado le basse temperature atmosferiche e alcune gocce di pioggia, l'originario di Carrickfergus ha fatto la voce grossa nella terza sessione di giornata, salvo poi essere beffato sulla bandiera a scacchi da Kyle Ryde nel quarto. Oltre a risultare l'unico nel gruppo di testa alla guida della CBR 1000RR-R, considerata la doverosa fase di adattamento dei compagni giapponesi Takumi Takahashi (18esimo) e Ryo Mizuno (19esimo), Glenn Irwin è stato incaricato di scegliere il più congeniale percorso lavorativo (nonché di sviluppo..) da adottare durante la stagione. Adesso non resta più soltanto che vederlo all'opera sulla lunga distanza.

Prova di forza McAMS Yamaha

Dominatore in lungo e in largo della giornata inaugurale, quest'oggi O'Show si è dimostrato assolutamente performante nella gestione gomme. Seppur quinto assoluto a due decimi dalla vetta, nella terza sessione il baluardo McAMS Yamaha ha messo in bella mostra un sensazionale ritmo-gara: 20 passaggi consecutivi sul passo del 53" (!!), usufruendo della specifica Pirelli SC0 al posteriore. Come se non bastasse, a dispetto di una breve sosta al box, ha completato ulteriori otto tornate con il medesimo pneumatico stampando il best lap personale nell'ultimo a propria disposizione. Un gran bel viaggiare che pone Jason O'Halloran un gradino sopra gli avversari in questa fase di avvicinamento alla futura stagione. Discorso analogo per il team-mate  Tarran Mackenzie (foto sopra), secondo complessivamente a soli 61 millesimi dalla Fireblade di Irwin e in netta ripresa dopo la doppia scivolata di ieri pomeriggio. Al momento, il motore in configurazione 2021 sta funzionando alla perfezione su entrambe le YZF-R1 (ieri lo aveva provato giusto O'Halloran..).

Indietro le Ducati, Brookes cade

Leggermente meno incisive del previsto, in casa VisionTrack PBM Ducati si è cercato di lavorare in modo incessante su svariate aree in quanto impossibilitati a sperimentarle nel 2020 causa emergenza COVID-19, il tutto a discapito del time attack. Dando uno sguardo alla classifica saltano all'occhio la nona posizione di Christian Iddon (sopra) e addirittura la 12esima di Josh Brookes. Se il 36enne ha nuovamente focalizzato il proprio interesse sui long run, il Campione in carica è rimasto vittima di una innocua caduta nel cambio di direzione tra curva 3 e 4, senza particolari conseguenze (si parla di una contusione al mignolo..). Tredicesimo, invece, Tommy Bridewell (Oxford Racing MotoRapido) alla guida della terza Panigale V4-R dello schieramento.

Sorpresa Kent, bene Ryde

Di rientro nel British Superbike posteriormente alla parentesi nella SuperStock 1000 della terra d'Albione, Danny Kent sembra essere tornato quello dei "bei vecchi tempi". Nuovo alfiere Buildbase Suzuki, il Campione del Mondo Moto3 2015 ha concluso il day 2 in una formidabile terza posizione in 53"313, frutto del primo crono nella seconda sessione. Alle sue spalle Kyle Ryde (Rich Energy OMG Racing) sulla BMW M1000RR, primatista del primo e quarto turno, vincitore sul "corto" di Silverstone la passata stagione. Su di lui si è incentrata buona parte dell'attenzione della struttura di Paul Curran, complice l'assenza forzata di Bradley Ray (rimasto a riposo), il cui posto è stato preso dal riders coach James Ellison. In sesta posizione Gino Rea (Buildbase Suzuki), a precedere la coppia SYNETIQ BMW by TAS formata da Danny Buchan e Andrew Irwin. Decimo un redivivo Ryan Vickers (RAF Regular & Reserve Kawasaki), appena fuori dalla top-10 Xavi Forés (FHO Racing) in undicesima posizione. Attardate le due Ninja ZX-10R 2021 del Team FS-3 Racing: Lee Jackson (17esimo) e Rory Skinner (20esimo), quest'ultimo rallentato da un problema tecnico nella quarta sessione. I protagonisti del BSB saranno di nuovo in azione settimana prossima, dal 4 al 6 maggio, sul tracciato di Snetterton per il secondo atto del "BSB Test Tour".

LA COMBINATA DEI DUE GIORNI:

Articoli che potrebbero interessarti