Tu sei qui

CFMoto 800MT: dalla Cina la adventurebike con motore KTM

Presentazione ufficiale in Cina della CFMoto 800MT, una on-off equipaggiata con il motore bicilindrico KTM LC8c delle KTM 790 Duke e Adventure.

Moto - News: CFMoto 800MT: dalla Cina la adventurebike con motore KTM

Share


Facciamo attenzione a quello che sta per arrivare dalla Cina perché potrebbe rivelarsi una sorpresa: la CFMoto 800MT è stata svelata in Cina ed è pronta per mettere le ruote sulle strade europee, incluse quelle italiane.
CFMoto è un marchio cinese che sviluppa, produce e commercializza moto e motori, ha una storia relativamente giovane, essendo stato creato nel 1989 ed è cresciuto molto in fretta. Partita come marchio di quad si è piano piano aperto anche alla produzione di motociclette di alta qualità.

In buona sostanza, CFMoto è molto ambizioso e per realizzare i suoi obiettivi ha creato una jont venture con KTM: il gruppo cinese Zejiang Chenfugen Power Co. (nel quale rientra CFMoto) e il costruttore austriaco (che partecipa al 49%) collaborano per lo sviluppo di motori e moto, scambio di know-how e nello stabilimento di Hangzou vengono prodotte le piccole moto austriache da 125, 200 e 390 cc.
Da questa collaborazione è nata la CFMoto 800MT, una adventurebike per la quale sono state spese diverse parole in passato e che ora è stata finalmente svelata nella sua versione definitiva in occasione del Salone dell'Auto di Shanghai. Voci riguardo un suo arrivo in Europa se ne sono sentite ma, per il momento, non ci sono state le conforme, ma conoscendo il mercato asiatico orientato a modelli di capacità minore e leggendo l'equipaggiamento della moto, un sospetto può anche essere plausibile.

Fatta per i motociclisti europei

Che la CFMoto 800MT sia una moto che fa l'occhiolino al mercato europeo appare piuttosto chiaro: un design molto ricercato nella sua classicità, motore bicilindrico LC8c 790 della naked 790 Duke e della on-off Adventure da 94 CV e 77 Nm, dotazione tecnologica di tutto rispetto che prevede ABS cornering, traction control, ride-by-wire, centralina Bosch (prodotta nello stabilimento cinese), riding mode, manopole e sella riscaldate, display digitale da 7” con navigatore integrato, accensione senza chiavi e fari abbagliante automatici.

La ciclistica può sorprendere, data la joint venture con KTM: per evitare cannibalismi o più semplicemente per differenziare i modelli delle due case infatti la componentistica è diversa, non più WP e Brembo bensì sospensioni KYB e freni J. Juan, azienda cinese tra i leader di mercato. Tipicamente KTM invece il telaio tubolare in acciaio, mentre nei documenti di omologazione viene indicato un peso di 231 kg, che può arrivare a 238 kg con le borse rigide in alluminio.

Gli indizi che la portano in Europa

Dopo la sua passerella a Shanghai, CFMoto non ha reso espliciti i suoi piani futuri, quindi la 800MT non dovrebbe essere a disposizione dei motociclisti europei almeno per quest'anno. Sappiamo che sono previste due versioni, a seconda dell'utilizzo e delle preferenze di ogni biker: una versione più stradale con cerchi in lega da 17” e una invece più votata a qualche giro sullo fuoristrada, con cerchi a raggi da 19”.

I media cinesi ipotizzano un prezzo che balla tra i 50.000 e i 70.000 Yuan, che tradotto nella nostra moneta equivale 6.400 e gli 8.900 euro al cambio attuale, da prendere ovviamente con le dovute precauzioni del caso, perché non sono inclusi i costi di trasporto, di distribuzione e i dazi. Ma equipaggiamento premium ed estetica realizzata da Kiska Design, società di design che firma i modelli di Mattighofen, sono aspetti che dovrebbero far riflettere e potrebbero far tremare alcune protagoniste del segmento tourer.

 

Articoli che potrebbero interessarti