Tu sei qui

Shell: in arrivo ben 2,5 milioni di colonnine di ricarica

Un progetto estremamente interessante del "benzinaio". L'obbiettivo sarà raggiunto entro il 2030

Auto - News: Shell: in arrivo ben 2,5 milioni di colonnine di ricarica

Share


Shell, dalla "super benzina" V-Power, alle colonnine elettriche. Del resto, c'era da aspettarselo, il green è il futuro, che ci piaccia o no. La strategia del colosso ango-olandese, passa dunque dalla diffusione di stazioni di ricarica per le auto elettriche. E' il Direttore downstream Huibert Vigevano a "lanciare" la cosa. In una recente intervista ha infatti dichiarato una lotta alla riduzione di emissioni di anidride carbonica, in favore dei veicoli elettrici e dunque, di forti investimenti nel settore. Parola d'ordine, espansione; arriveranno dunque tanti nuovi punti di ricarica.

Vigevano ha così dichiarato: "Se si considerano le opportunità offerte dal settore della mobilità in materia di decarbonizzazione, i veicoli elettrici hanno un ruolo fondamentale. Due anni fa, nel 2019, abbiamo installato il nostro primo punto di ricarica per auto elettriche a Singapore. Ora, le colonnine sono presenti in un terzo della nostra rete".

Veniamo al dunque. Al momento, Shell vanta la bellezza di circa 60.000 punti di ricarica sparsi in tutto il Mondo. Ancora poche, secondo il colosso petrolifero anglo-olandese, che ha dichiarato di voler arrivare a 500.000 colonnine di ricarica entro il 2025, e addirittura a quota 2,5 milioni entro il 2030. Un obbiettivo difficile, ma non impossibile, visto che solo per il 2020 ha raddoppiato i numeri. Importanti anche i due accordi stipulati, in Italia (dove Shell da alcuni anni non è più presente con i suoi distributori di carburante) con Enel X ed in Gran Bretagna con Ubitricity.

Articoli che potrebbero interessarti