Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: “Mi manca stabilità con la KTM, ma non sono preoccupato”

“Purtroppo soffro il trasferimento di carico all’anteriore. Marquez? Non è il solito Marc oltre il limite, sono felice di rivederlo in pista, ma non davanti a me”

MotoGP: Petrucci: “Mi manca stabilità con la KTM, ma non sono preoccupato”

Share


Portimao può essere la pista giusta per cucirsi la KTM addosso e compiere quel salto sperato. Lo sa bene Danilo Petrucci, che in Portogallo punta a migliorare la propria fiducia con la moto austriaca dopo le difficoltà incontrate in Qatar.

La giornata inaugurale è stata fatta di alti e bassi per il pilota di Terni, dal momento che si è dovuto consolare con il 18° tempo a oltre un secondo dalla vetta. Eppure Danilo cerca di vedere il bicchiere mezzo pieno, consapevole di quelle che sono le sue qualità.

“Purtroppo stamani il turno è stato buttato per via delle condizioni del tracciato – ha esordito – quello che posso dire, dopo questa prima giornata, è che ho più bisogno più stabilità in frenata, dato che avverto grande trasferimento di carico all’anteriore. Siamo però sulla strada giusta, infatti non sono preoccupato”.

Danilo preferisce quindi non badare più di tanto al cronometro.
“In questo momento sono focalizzato nel trovare le giuste sensazioni in sella alla moto. Al momento non ho ancora un assetto ottimale, ma voglio essere fiducioso. Mi serve infatti avere maggiore stabilità in frenata. Guardando la classifica i distacchi sono contenuti. Miguel non ha chiuso al comando, ma di sicuro è un ottimo riferimento per migliorare e sono convinto che sarà veloce nel fine settimana”.

La spalla, lussata in Qatar, non sembra essere un problema.
“La spalla va meglio, sono solo un po’ stanco, ho del dolore al braccio destro, ma non ho problemi fisici al momento. La cosa che mi dispiace è non essere riuscito a sfruttare al meglio la gomma morbida al posteriore, dato che con quella usata sono stato in grado di essere veloce e il passo era buono. Abbiamo però un piano per cosa fare sabato”.

La conclusione è riservata al rientro di Marc Marquez.
“Sono felice di rivederlo in pista, ma non davanti a me – ha scherzato – Marc è tornato è ha dimostrato di essere da subito veloce. Probabilmente non è il solito Marc, che va oltre il limite, ma è comunque forte e competitivo”.

Articoli che potrebbero interessarti