Tu sei qui

MotoGP, Morbidelli: “A Losail un errore umano, Yamaha mi ha dato tutte le spiegazioni”

“Sono consapevole della mia posizione in Yamaha e la accetto, dato che non ho alternative. La Casa ha spedito i pezzi in Giappone e preso tutte le contromisure dopo il Qatar. Lo scorso anno siamo stati forti a Portimao, ho fiducia”

MotoGP: Morbidelli: “A Losail un errore umano, Yamaha mi ha dato tutte le spiegazioni”

Share


La parola d’ordine non può che essere riscatto. Già, perché dopo le delusioni del Qatar, Franco Morbidelli è intenzionato a voltare pagina e scrivere da subito un nuovo capitolo di questo 2021. Portimao potrebbe quindi essere l’occasione giusta, dal momento che lo scorso anno l’alfiere Petronas fu il più veloce tra le M1, tanto da arrivare sul podio.

Franco ha dunque piena fiducia in sè in vista del terzo round di questa stagione, dove serve mandare un segnale ben chiaro dopo i successi di Vinales e Quartararo.

“Ripartiamo da un foglio bianco qua a Portimao, senza farci scoraggiare da quanto accaduto a Losail – ha esordito Franco – qui in Portogallo ci saranno alcuni piccoli cambiamenti sulla moto, anche se la base è più o meno la stessa di due settimane fa”.

La fiducia è alla base di come affrontare questo fine settimana.
“Di sicuro la mia motivazione rimane la stessa, dato che non dipende dai risultati dei miei avversari, ma dai miei. Sono consapevole di quale sia la mia posizione in Yamaha e lo accetto, dato che non ho altre alternative, pertanto una delle mie motivazioni è quella di guadagnarmi una condizioni migliore, senza dover battere i piloti di pari marca. Questo sarà sicuramente un weekend importante e lo affronto con la consapevolezza di sempre”.

L’attenzione torna poi si quanto accaduto in Qatar. A quanto pare c’è stato un errore umano all’interno del box, inoltre Yamaha ha rimandato tutti i pezzi in Giappone.
“Ho avuto tutte le  risposte che desideravo da parte di Yamaha, sia dopo il Qatar che una volta arrivato qua. Sono quindi contento delle contromisure che ha preso la squadra, dato che sono sensate. Di più non posso dire, questo nel rispetto dei limiti contrattuali e degli altri piloti”.

Adesso non resta che salire in sella alla moto e dare il via al fine settimana di gara.
“Questo weekend lo si affronta con la consapevolezza che l’ultima volta siamo stati davvero forti in Portogallo. Non voglio utilizzare il termine speranza, perché mi dà un senso di disperazione, pertanto voglio essere fiducioso dopo quanto fatto nel 2020 in sella alla mia M1. Purtroppo in Qatar le due gare non sono andate come speravo, ma mi sono preparato al meglio per questo fine settimana, con l'obiettivo di poter lottare con i migliori"  

 

Articoli che potrebbero interessarti