Tu sei qui

MotoGP, Il ritorno di Marquez scuote il paddock: "un avversario in più, il più forte"

Rossi: "A me sembra molto in forma". Bagnaia: "Potrebbe farci il culo". Mir: "Si aggiunge un avversario per la lotta al mondiale, forse il più forte"  

MotoGP: Il ritorno di Marquez scuote il paddock: "un avversario in più, il più forte"

Share


Il ritorno di Marc Marquez nel paddock per il GP del Portogallo ha certamente monopolizzato pagine di giornali e siti web in questi giorni. Ci sono molte incognite sulle reali condizioni di Marc e sulla competitività che potrà mostrare in pista e questo sarà il tema principale della giornata di domani quando lo spagnolo farà il suo debutto a Portimao nel corso delle FP1. Ma come hanno reagito i piloti nel rivedere l’otto volte campione del mondo e dominatore della categoria?

Partiamo dal leader attuale della classifica mondiale Johann Zarco che si è detto certamente contento del rientro di Marc: “Ovviamente è fantastico e la cosa principale è capire se potrà tornare come prima. Lui è un ragazzo con una grande energia ed il fatto di dover stare a casa non sarà stato facile. Sono certo che anche i tifosi sono contenti. Lui ha detto di avere le farfalle nello stomaco, io credo che non debba avere dubbi perché è sicuramente pronto”. 

Joan Mir: "Si aggiunge un avversario per la lotta al mondiale, forse il più forte"

Chi nella scorsa stagione ha dovuto fare i conti con l’assenza di Marquez forse più di tutti è stato Joan Mir, vincitore di un mondiale che più volte è stato descritto come “inferiore” senza il suo campione più forte. Quali sono le sensazioni del pilota Suzuki?
“Credo che lui sarà un altro avversario per il mondiale, è uno della lunga lista e forse è il più forte. Vedremo come si sentirà fisicamente, sa che la Honda si adatta bene a questo tracciato e credo che abbia aspettato di poter essere al 100% per rientrare e fare un bel weekend qui”.

Sempre rimanendo in Casa Suzuki c’è anche il parere di Alex Rins che aveva incontrato Marquez in palestra a Doha quando il pilota Honda si era recato in Qatar per la sua dose di vaccino. In quell’occasione Rins credeva di aver visto un Marquez pronto al rientro ma pochi giorni dopo è arrivata l’ufficialità del forfait per le prime due gare. Sarà  già pronto a vincere adesso?
“La verità è che sono contento del suo ritorno perché è un compagno di battaglia, vedremo come andrà nelle FP1. C’è chi dice che potrà vincere, chi pensa che non sarà competitivo o che salirà sul podio, io penso che se è qui significa che è al 100%”. 

Rossi: "Grandi aspettative su Marquez". Bagnaia: "Potrebbe farci il culo"

Un’altra voce importante è quella di Valentino Rossi. Tra i due non scorre buon sangue, è certo, ma quali sono le sensazioni del Dottore sul rientro di Marquez che in questa stagione potrebbe addirittura eguagliarlo a numero di mondiali vinti?
“Per Marquez tutti abbiamo grandi aspettative, il suo livello e la confidenza con la moto sono da vedere, ma a me sembra molto in forma”.

A proposito di aspettative non ha utilizzato mezzi termini Pecco Bagnaia per descrivere quello che si potrebbe verificare in pista già da questo weekend. 
"Riguardo il ritorno di Marquez ci sono due scenari diversi - ha detto Bagnaia -  Il primo è che torna e spacca il culo a tutti, potrebbe andare davvero molto forte subito. Il secondo invece è che ricominci facendo attenzione al braccio, che cerchi di capire il suo equilibrio, riprendere confidenza con la moto senza prendere troppi rischi. Secondo me al momento è in una situazione in cui non può prendersi troppi rischi con il braccio infortunato. Sarà veloce, conoscendo Marc è tornato al 100% e pensa di poter essere subito velocissimo quindi ci proverà senza dubbio. La pista è complicata, ma lui la conosce bene perché ci aveva girato anche con la Moto2, quindi vedremo. Ci sono questi due scenari e vedremo come li affronterà". 

Pol Espargarò: "Marc potrà dire se la Honda è migliorata in un anno"

Tra i protagonisti della MotoGP ce n’è sicuramente uno che assisterà al ritorno di Marquez un po’ più da vicino rispetto agli altri ed è Pol Espargarò che, dopo i due GP del Qatar con Bradl dall’altra parte del box, si ritroverà ora il fenomeno di Cervera. 

 "Marc sarà veloce subito, non ho dubbi su questo - ha dichiarato Espargarò - ha provato proprio qui non molti giorni fa, di certo poi Marc è Marc ed è da più di nove anni su questa moto. Conosce i punti forti e deboli di questa moto e non so quanto ci metterà, ma sarà veloce. Tutti ci aspettiamo di trovarlo veloce qui e questo ci mostrerà il vero potenziale della nostra moto. Per me il fatto che ci sia lui dall'altra parte del box non cambia moltissimo. È importante avere Marc qui, per la squadra, per la Honda. Sarà importante anche perché Marc si è fermato abbastanza presto nel 2020 e la moto è cambiata molto da quel momento. Servono conferme che la moto sia migliore ed io non sono in grado di dirlo, perché non ero qui la scorsa stagione. Marc ha partecipato allo sviluppo della moto tutti gli anni, è quello che la conosce meglio. Per me sarà importante perché mi indicherà dove potrò spingere di più. Siamo tutti emozionati per il fatto di averlo qui, sarà bello riaverlo". 

Articoli che potrebbero interessarti