Tu sei qui

Yamaha XSR 250: primi test su strada in India [FOTOSPIA]

Un muletto di una piccola Yamaha XSR sorpreso durante alcuni test su strada in India. Vedremo la sport heritage anche in Europa?

Moto - News: Yamaha XSR 250: primi test su strada in India [FOTOSPIA]

Share


Il mercato motociclistico è in fermento, come se la situazione sanitaria non avesse provocato enormi dissesti ai bilanci e alle previsioni di vendita delle case costruttrici, nonostante la ripresa successiva abbia quasi livellato i buchi. Per esempio, ci sono tantissime novità riguardo lo sviluppo di moto ad alimentazione alternativa, dalle moto ibride alle moto elettriche.

Ma anche i modelli tradizionali con motore a combustione tengono banco e non si parla solo di moto ad alte prestazioni. Il mercato asiatico infatti è caratterizzato da moto di medio-piccola cilindrata e i successi della Royal Enfield Meteor 350 e della Honda CB350 H'ness lo dimostrano.

Anche Yamaha vuole la sua fetta di questo mercato e si prepara a fare concorrenza a marchi con una presenza consolidata, sopperendo col blasone del marchio e alla qualità delle sue moto.

Mercato competitivo

Bajaj, Jawa, TVS, ma anche Honda, Royal Enfield e la 'nostra' Benelli, solo per fare alcuni nomi dei marchi presenti nel mercato asiatico e indiano in particolare.

Un mercato competitivo dove la moto più grande non ha un motore maggiore dei 400 cc e nonostante questo risponde perfettamente alle esigenze dei clienti.

Negli ultimi anni poi, la popolarità delle motociclette classiche ha trovato una nuova rinascita in India, attirando l'attenzione dei motociclisti tradizionali,come dimostrano i modelli sopra citati.

Solo Honda ha fatto la mossa entrando in questo mercato a fine dell'anno scorso, azzeccando il modello e vedendo premiata la sua iniziativa, mentre gli altri produttori non hanno ancora seguito l'esempio del colosso giapponese, proponendo gli stessi modelli del mercato occidentale.

Adesso è Yamaha a fare la sua mossa e, guardando al proprio listino, si affida ai modelli più indicati ovvero le sport heritage, naked dallo stile neo retrò che per caratteristiche ciclistiche e di design si adattano a un motore di minor capacità, come ha dimostrato la XSR 155, commercializzata nel mercato asiatico.

All'assaltato

Le operazioni sono già iniziate in India e nei giorni scorsi è stato sorpreso un muletto circolare lungo la Yamuna Expressway, la lunga strada a sei corsie che porta a Nuova Delhi.

Tutto fa pensare possa essere la futura Yamaha XSR 250, basato sul propulsore della YZF R15 e della sorella naked MT15.

La novità riguarda più il mercato di riferimento che la moto, perché le voci di uno sviluppo di modelli di piccola cilindrata risale al 2019.

Il design del muletto è molto simile ali modelli XSR, ben camuffato e reso neutro dalle coperture di ordinanza, con una posizione di guida eretta e un display digitale.

La ciclistica sembra riprendere quella che già equipaggia la FZ250, naked dei Tre Diapason per il mercato indiano, con forcella a steli rovesciati all'avantreno e mono ammortizzatore al retrotreno.

Se si dovesse basare su questo motore, allora i valori di potenza e coppia dovrebbero restare sui 21 CV e 20 Nm.

Secondo RushLane, rivista indiana sempre molto attenta, il debutto sul mercato indiano di una Yamaha XSR250 o XSR300 sarebbe solo questione di pochi mesi e, se non sarà una delle due, Yamaha potrebbe optare inizialmente per una versione più piccola, spinta da un monocilindrico di 149 cc che attualmente alimenta la FZ e la FZS.

Piattaforme

La futura Yamaha XSR potrebbe seguire gli sviluppi di altri modelli, nati sfruttando la stessa piattaforma: dallo stesso propulsore infatti nascono la naked MT-07, la crossover Tracer 7, la adventure bike Ténéré 700 e la sport heritage XSR 700 e si dice anche che da qui potrebbe nascere anche la nuova sportiva media YZF-R7.

È vero anche che Yamaha sa realizzare lo stesso modello declinandolo in diverse cilindrate: la famiglia MT è il perfetto esempio di questa logica con 5 diverse cilindrate, dalla 125 alla 1.000.

Anche la XSR potrebbe seguire la stessa dinamica: per ora sono presenti le versioni 90 e 700 cc, ma la famiglia si potrebbe allargare verso il basso con la conferma della 155 e della 250 cc.

Yamaha ha recentemente depositato una raffica di richieste per diversi nomi, non solo YZF-R7, presso gli uffici brevetti giapponesi e statunitensi.

E e se l'Europa ha aperto la strada con le XSR 900 e XSR 700, i mercati asiatici hanno potuto successivamente beneficiare della XSR 155 che chissà se avremmo la possibilità di vederla approdare anche in versione 125 nel Vecchio Continente, anche se la novità potrebbe passare attraverso la cilindrata media, visto il muletto sorpreso dai media indiani.

Se le nostre ipotesi dovessero trovare una qualche conferma, in Europa potremmo avere una bicilindrica da 321 cc come la MT-03 e la YZF-R3, che andrebbe a aumentare i modelli della gamma sport heritage.

Articoli che potrebbero interessarti