Tu sei qui

Ducati elettrica? Non subito. Un’alternativa è il carburante sintetico

Francesco Milicia - Vice President Global Sales and After Sales Ducati – racconta i mesi difficili della pandemia, la ripresa ed i piani futuri dell’Azienda di Borgo Panigale.

Moto - News: Ducati elettrica? Non subito. Un’alternativa è il carburante sintetico

Share


In un'intervista rilasciata al settimanale britannico MCN, Francesco Milicia dichiara che l’attenzione e la passione sono le chiavi del successo Ducati per far fronte anche alle difficoltà incontrate nel corso del 2020.

"È stato un anno - ndr, 2020 - complesso e difficile", afferma il VP Sales Ducati. "All'inizio pensavamo che forse la pandemia avrebbe colpito solo alcuni paesi, ma entro marzo abbiamo potuto vedere quanto fosse grave. In Italia abbiamo avuto il più alto tasso di mortalità in quella prima ondata ed era una situazione molto grave, soprattutto al nord”.

La rapidità con cui si è espansa la pandemia, che ha colto di sorpresa anche la Ducati, è ben spiegata dalle parole di Milicia: "Abbiamo avuto un incontro venerdì pomeriggio in cui ci diceva che la fabbrica doveva essere chiusa entro lunedì mattina, con tutte le spedizioni bloccate proprio mentre ci stavamo preparando a distribuire la Streetfighter. La nostra prima stima era che avremmo perso il 30% delle nostre vendite per l'anno, ma siamo rimasti colpiti dalla ripresa. La Streetfighter sta vendendo di più nel secondo anno rispetto al primo e la Fasthouse Scrambler – ndr, l’edizione limitata della Desert Sled – è andata esaurita in pochi giorni."

Nel futuro attenzione ai giovani, alla riduzione delle emissioni e…

Ducati rappresenta un marchio premium ma nel mercato interno la concorrenza non proviene dai costruttori della stessa fascia, bensì dai marchi che propongono motociclette di categoria e quindi prezzo inferiori.

"In Italia il mercato è leggermente cambiato perché abbiamo molta concorrenza sul prezzo, ma non vogliamo entrare in concorrenza con produttori economici", afferma Milicia. "Dobbiamo proteggere il nostro marchio. Abbiamo un marchio che è vivo da quasi 100 anni e dobbiamo rispettarlo.
Ma attirare i clienti più giovani è importante e, un prodotto dedicato ai giovani clienti, è qualcosa su cui stiamo lavorando. Anche con cilindrate più piccole per i giovani, tuttavia, possiamo ancora costruire con stile, raffinatezza e prestazioni di una Ducati".

La maggior attenzione verso l’abbattimento delle emissioni sposta sempre di più l’attenzione dei costruttori verso la propulsione elettrica. Milica chiarisce che non è l’unica strada percorribile "Stiamo pensando e lavorando sull'elettrico. Facciamo parte di un gruppo – ndr, Volkswagen -  che sta andando velocemente verso l'elettrificazione ed è una buona opportunità per la Ducati.

Produrremo presto una Ducati elettrica? No. Pensiamo che per il tipo di prodotto che produciamo ora, una moto elettrica non possa garantire il piacere, l'autonomia, il peso… che i piloti Ducati si aspettano.
Stiamo anche esaminando attentamente altre soluzioni per emissioni zero o minime, come il carburante sintetico. Altri marchi del nostro gruppo come 
Porsche lo stanno esaminando ed è qualcosa che stiamo guardando a medio termine".

 

... un miglioramento dell’affidabilità Ducati

Nonostante il recente richiamo di alcune componenti del motore della Multistrada V4, la Ducati ha investito molto negli ultimi anni per ribaltare l’immagine che le proprie moto fossero belle ma non altrettanto affidabili. Gli intervalli di manutenzione ordinaria con minor frequenza ne sono la riprova tangibile. Milica ribadisce il concetto sottolineando anche l’importanza del riscontro del cliente attraverso la rete di vendita e assistenza.

"Penso che uno dei segreti della Ducati sia che quando abbiamo un nuovo prodotto, comunichiamo con i nostri concessionari e il nostro staff. Si dice che 'nessuno sa come migliorare una macchina meglio del lavoratore che la aziona' ed è lo stesso con le moto: è il rivenditore che è di fronte al cliente e sente ogni giorno cosa funziona ma anche cosa non funziona.

Cerchiamo sempre di costruire un prodotto migliore per i nostri clienti. La cosa su cui abbiamo lavorato più di ogni altra, negli ultimi cinque anni, è il miglioramento della qualità e dell'affidabilità dei prodotti. Abbiamo lavorato molto nell’ultimo anno, abbiamo dovuto sostituire molti fornitori che non soddisfacevano la nostra qualità.
Grazie ai rigorosi processi di qualità abbiamo subito avuto evidenza di un potenziale problema con le guide delle valvole della Multistrada V4 e abbiamo deciso, senza indugio, di dare priorità al servizio ai nostri clientiAbbiamo infatti attivato una campagna di richiamo preventivo sulle moto coinvolte mettendo a disposizione dei Ducatisti coinvolti moto di cortesia per il periodo necessario all'intervento, altri importanti benefici e due anni di manutenzione ordinaria gratuita sulle proprie moto ".

 

Articoli che potrebbero interessarti