MotoGP, Pol Espargarò rassicura Marquez: "la Honda è una moto da podio"

"In Qatar partendo dalle prime due file avrei potuto lottare per salirci. Non so con succederà quando tornerà Marc, ma con questa moto si può puntare al Mondiale"

Share


La Honda ha lasciato il Qatar con la coda tra le gambe. In entrambe le gare il suo migliore pilota al traguardo è stato Pol Espargarò, 13° al debutto sulla RC213V e 8° nel secondo GP. La conseguenza è che la Casa giapponese si trova all’ultimo posto nella classifica riservata ai costruttori (con 11 punti, gli stessi di KTM e 4 in meno di Aprilia) e al 5° in quella riservata ai team. Se la squadra ufficiale non ha brillato, alla satellite LCR è andata ancora peggio, non riuscendo a fare neppure un punto con Alex Marquez e Nakagami.

A questo punto, si aspetta con ansia il 12 aprile, quando Marc Marquez si sottoporrà un altro controllo medico per scoprire se avrà il via libera per tornare in pista a Portimao. Il dubbio è che moto troverà il campione spagnolo al suo ritorno, perché questo inizio di 2021 ha fatto nascere qualche preoccupazione.

A rassicurare Marc ci ha pensato Pol Espargarò:la moto è veloce, non sono preoccupato, potremo avere una grande stagione, potremo essere tra i candidati al titolo - ha spiegato al termine del GP di Doha - Non so cosa succederà quando arriverà Marc, ma lo moto poteva lottare per il podio, ha un grande potenziale”.

Pol ha individuato nelle qualifiche il punto debole del suo ultimo fine settimana.

Non abbiamo lavorato bene sabato, partendo 15° non puoi lottare per nulla - il rammarico - Se fossi scattato dalle prime due file sarei stato in lotta per la vittoria in entrambe le gare, avevo un passo più veloce dei piloti davanti a me”.

Articoli che potrebbero interessarti