MotoGP, Jack Miller, sindrome compartimentale: a Barcellona per controlli

L'australiano della Ducati si richerà a Barcellona per controlli prima del GP di Portimao: operazione in vista? Ecco ciò che racconta nel suo blog

Share


Jackass ha ammesso di aver avuto problemi all'avambraccio destro che gli ha impedito negli ultimi giri del GP di Losail di frenare ed aprire il gas correttamente. L'australiano della Ducati si richerà dunque a Barcellona per controlli prima del GP di Portimao: operazione in vista?

Ecco cosa ha scritto nel suo blog:

Quindi, nono di nuovo in Qatar, come lo scorso fine settimana e un po' più vicino alle testa della corsa, ma non lo stesso tipo di gara  per me in questo fine settimana. È pazzesco che ero a poco più di cinque secondi dalla vittoria e sono tornato dov'ero, ma questa è la MotoGP in questi giorni, e anche quello che succede quando si passa così tanto tempo in un circuito dopo i test e la prima gara. Ma non è di questo che volete sentire parlare, vero?

Comunque, arriviamo al 13° giro. Ho appena fatto il giro più veloce di tutti nel giro precedente e sono in quinta posizione, e poi mi ritrovo con (Joan) Mir due volte nello stesso giro. Prima di questo, ci sono stati alcuni contatti, ma era solo il modo in cui la gara stava andando, un po' di contatto qua e là. Nessuno sembra davvero preoccupato di dove sono gli altri in pista, quindi ...

Tornando a Mir, è stata una di quelle cose in cui entrambi abbiamo visto cosa è successo, abbiamo continuato a correre dopo, quindi non ho molto altro da dire. Sono stato colpito già tre volte prima, credo, quindi sembrava che fosse il modo in cui stavamo correndo... Questo è tutto. Per quanto riguarda una bandiera nera mentre l'incidente veniva indagato - beh, se avessi ricevuto una bandiera nera allora qualcosa doveva essere andato storto, ma la direzione di gara alla fine lo ha giudicato un incidente di gara.

Non ne ho parlato con Mir dopo - lui mi ha guardato dopo la gara nel giro di rallentamento e io l'ho guardato, ci siamo salutati un po', e ho detto che la gara stava andando così, più o meno. A parte questo, non abbiamo parlato. Quindi è quello che è.

Sono stato in grado di spingere dopo l'incidente di Mir, chiamiamolo così, e ho potuto chiudere il gap, ma ho iniziato a soffrire all'avambraccio destro e negli ultimi quattro giri non riuscivo nemmeno a sentire la leva del freno. Non voglio correre così, mi sentivo in grado di spingere in ogni altro aspetto fino alla fine, quindi devo fare qualcosa. Ho avuto il braccio che pompava un po' anche la settimana scorsa, ma questa volta è stato peggio, quindi dobbiamo capire perché e risolvere il problema questa settimana. L'intervento chirurgico potrebbe essere un'opzione che dovremmo fare al più presto se questo è il caso. Sicuramente non voglio un'altra fine di gara come quella, quindi indagheremo su cosa posso fare una volta tornati in Europa.
Non ho avuto molto con cui lottare, negli ultimi due giri specialmente e sono passato dalla settima alla nona nelle ultime curve con Mir e Brad (Binder) che mi hanno passato. Quindi, di nuovo nono.

Anche lo scorso fine settimana non è stato granché, questo è abbastanza chiaro da vedere, ma si parlava già di 'qui dobbiamo vincere' prima di questa gara. Non è andata a modo mio oggi, ma il campionato è appena partito. L'obiettivo era lo stesso questo fine settimana che in ogni altro fine settimana, provare il massimo per arrivare in cima o il più vicino possibile. Questo è tutto. Non abbiamo migliorato il primo fine settimana qui, ma è un campionato lungo e abbiamo un pacchetto veloce.

La moto è buona, non c'è dubbio su questo, la Ducati ha avuto entrambe le pole qui, e sia Johann (Zarco) che Jorge (Martin) sono saliti sul podio oggi, quindi è giusto battersi con loro. Questo è qualcosa di positivo per me, la moto è veloce, e ho solo bisogno di fare un lavoro migliore con essa.

Non so voi, ma io sono abbastanza desideroso di un fine settimana libero e la possibilità di correre da qualche altra parte, il che è un bene perché è quello che abbiamo in arrivo. Portimao è il prossimo tra un paio di domeniche, e vi parlerò da lì.

 

Articoli che potrebbero interessarti