Tu sei qui

Pesce d’Aprile: gli scherzi più (o meno) riusciti del motociclismo

Le burle del primo d'aprile sono tradizione nel mondo delle moto. Non è facile “cascarci”, ma c’è chi abbocca all’amo. Ecco i più famosi

Moto - News: Pesce d’Aprile: gli scherzi più (o meno) riusciti del motociclismo

Share


Il Pesce d’Aprile, pur non essenso un “rosso” sul calendario è una tradizione diffusa e rispettata in molti paesi del mondo.

Da anni ormai è entrato a far parte anche del rapporto tra case costruttrici, addetti ai lavori e lettori del mondo motociclistico e nel recente passato ne abbiamo viste delle belle. Ecco gli scherzi migliori, i peggiori e quelli che popolano le pagine del web di settore in queste ore.

Quei burloni di BMW

Tra le case più attive in questo particolarissimo frangente c’è BMW. A dispetto del rigore tedesco il marchio bavarese prova scherzosamente a far cadere in fallo la stampa da anni, e in più di un’occasione ci è riuscita.

Nel 2017 infatti arrivò nelle caselle di posta delle redazioni un comunicato sulla nuova BMW R 1200 GS xDrive Hybrid, la prima moto ibrida dell’Elica. Il problema vero però fu che il comunicato, a causa della chiusura degli uffici, arrivò il 3 aprile. 48 ore dopo la giornata dedicata alle burle, e in molti caddero nel tranello.

Due anni dopo BMW ci riprovò, cambiando esca però: questa volta la protagonista era la S 1000 RR con il kit iRace, con la nuova mappa che era in grado di trasformare un principiante in un record breaker.

Nel comunicato venivano riportate le dichiarazini dell’idraulico italo-tedesco  Rosario Fröschle, capace di girare sul circuito del TT dell’Isola di Man in 16 minuti e 42 secondi, ben 8 secondi in meno del primato di Peter Hickman. Troppo grossa per essere anche solo considerata “possibile”.

Il tempismo è tutto

Parlando invece dei Pesce d’Aprile meno riusciti potremmo guardare alla cronaca del giornalismo automobilistico delle ultime ore: ha destato particolarmente scalpore infatti il caso Volkswagen.

La Casa di Wolfsburg il 29 marzo ha diramato un comunicato dove annunciava un cambio di nome per la divisione elettrica: sarebbe nata così la VoltsWagen. Nessuno ha guardato la vicinanza nel calendario con la data incriminata e la “notizia” si è guadagnata titoli a 9 colonne.

Dopo esserci cascati con tutte le scarpe però, molti colleghi dell’auto sono passati all’attacco, con parole pesanti da parte di un colosso come Associated Press, che parla di “scherzo sgradito” e “ intenzione di imbrogliare i giornalisti”. Insomma, viene da chiedersi: era proprio necessario?

Gli scherzi del 2021

Al momento nella casella di posta della nostra redazione non sono arrivati comunicati-tranello, ma c’è chi si è armato di fantasia e ha creato il proprio Pesce d’Aprile.

Sul versante MotoGP c’è chi ha lanciato uno scoop incredibile: il ritorno di Valentino Rossi in Ducati con il team Avintia e in compagnia del fratello Luca Marini, con la clausola di avere la sua moto all’interno del Museo Ducati a fine stagione.

Dal Giappone invece, complice l’apprezzamento generale sul modello, arriva la bomba di Young Machine: la Honda GB350 diventa un mezzo da lavoro e si arma di cestino portaoggetti come una Graziella qualsiasi e dello scudo che oggi conosciamo sul Super Cub.

Potrebbe essere vero, forse, ma la postilla a fine dell’articolo recita testualmente: “Si prega di notare la data di pubblicazione, il sito non garantisce l’autenticità dei contenuti in futuro”. In più le foto in didascalia riportano la parola FAKE. Praticamente una dichiarazione d’intenti.

Articoli che potrebbero interessarti