Tu sei qui

SBK, FS-3 Racing all'assalto del BSB con la Kawasaki Ninja ZX-10RR 2021

Jackson: "Vogliamo lottare per il successo fin da subito, il motore più spinto ci aiuterà". Skinner: "Sono rimasto colpito dalla loro professionalità, in due anni possiamo crescere senza fretta, ma la volontà è vincere"

SBK: FS-3 Racing all'assalto del BSB con la Kawasaki Ninja ZX-10RR 2021

Share


Dal 2016 presenza fissa nel paddock del British Superbike, in poco tempo il Team FS-3 Racing ha saputo guadagnarsi i galloni di squadra di riferimento della Casa di Akashi. Una struttura “piccola”, dallo scorso anno supportata direttamente da Kawasaki Motors UK, ma ben organizzata. Ottenuti i primi podi e successi, la compagine capitanata da Nigel Snook si appresta a disputare una stagione dal notevole interesse con l’imperativo di lottare per il titolo. I presupposti per fare bene ci sono tutti, a partire dalla coppia di piloti composta da Lee Jackson e dalla new entry Rory Skinner, senza dimenticare l’inedita Ninja ZX-10RR. Una moto aggiornata, specie a livello aerodinamico, e un nuovo workshop (più grande e spazioso) per rispondere a qualsiasi tipo di esigenze. Un progetto decisamente ambizioso nel tentativo di affermarsi definitivamente nel BSB.

Jackson: "Cercheremo di entrare nello Showdown"

Trascorso un positivo biennio nella SuperStock 1000 britannica, nel 2020 Lee Jackson ha vissuto la miglior stagione in carriera in termini di risultati nella top class del campionato d’oltremanica. Perennemente a ridosso della top-5 e in zona punti in 17 delle 18 gare in programma (!!), al contempo ha saputo togliersi la soddisfazione di tornare sul podio a tre anni di distanza dall’ultima volta.

“Sì, è stata davvero un’annata fantastica, la migliore fino ad oggi. Ovviamente un po’ strana, più corta e senza tifosi. La squadra e la moto sono stati brillanti, ciò significa che potevo concentrarmi sul lavoro - ha detto il 25enne - penso che l'esperienza della squadra sia stata la chiave, abbiamo mostrato il nostro potenziale e sono impaziente di fare un ulteriore passo in avanti.

Delle prestazioni che gli sono valsi l’ottava posizione e il rinnovo automatico del contratto in ottica 2021, quando l’obbiettivo sarà di tenere in alto la ‘verdona’ ed entrare nei playoff finali. “Adesso è difficile fare previsioni, tuttavia sono fiducioso. Reputo importante restare nella stessa compagine e gettare le basi. Avremo una stagione fantastica con tre gare a week-end e, considerato che lo scorso anno siamo stati costantemente in zona punti, penso che potremmo dire la nostra. Fin dal round inaugurale cercheremo di battagliare per la vittoria e il podio, sperando di conquistare un posto nello Showdown. Non vedo l’ora di salire sulla Ninja e provare le novità aerodinamiche, il motore maggiormente spinto ci aiuterà.

Skinner: "Mi trovo qui per vincere"

A dimostrazione dell’ottimo stato di salute del campionato, nel 2021 vedremo al via l’ennesimo ‘campioncino’ made-in-UK, ovvero Rory Skinner. Entrato nella storia laureandosi Campione British SS600 (il più giovane di sempre a riuscirci), dopo aver rifiutato numerose offerte dal Mondiale di categoria, l’originario di Perth ha poi deciso di effettuare il grande salto nel BSB firmando con FS-3 Racing.

“Il 2020 è stato eccezionale, dopodiché sapevo che era giunto il momento di cambiare. Si tratterà della mia prima avventura in SBK, sono entusiasta e dovrò apprendere molto - ha ammesso il 19enne - nelle scorse settimane ho completato alcuni giri in Spagna sulla ZX-10RR versione Stock, abituandomi alla potenza e dimensione. Adesso so cosa serve per migliorarmi e arrivare pronto fisicamente ai test di fine aprile”.

Un accordo biennale volto ad agevolare la crescita del talentuoso scozzese e correre libero da pressioni. Ma la voglia di stupire fin da subito è tanta. Sono rimasto impressionato dalla professionalità e dal palmarès della formazione, hanno dimostrato di saper stare nelle zone alte della classifica. Si sono immediatamente distinti, inoltre ho visitato assieme a mio padre il nuovo workshop, sembra stupendo. Avere due anni a disposizione significa che possiamo costruire senza fretta, come mi hanno confermato loro stessi. La concorrenza è alta, però la volontà è vincere. Il passo è notevole, non voglio sbilanciarmi, valuteremo di gara in gara fino a dove riusciremo a spingerci”.

Articoli che potrebbero interessarti