Tu sei qui

MotoGP, Petrucci: “Marquez ha chiuso la curva, ci siamo toccati e sono caduto”

“Nessuno dei due ha colpe, sono cose che capitano. Dispiace perché sono finito a terra e ho preso una botta al bacino e alla testa”

MotoGP: Petrucci: “Marquez ha chiuso la curva, ci siamo toccati e sono caduto”

Share


L’esordio è di quelli che lasciano un retrogusto amaro. Già, perché la prima gara di Danilo Petrucci con la KTM è durata una manciata di curve. A causa di una caduta, l’alfiere Tech3 è stato infatti costretto ad alzare bandiera bianca.

Un fuoriprogramma che ha condizionato in negativo il debutto del pilota di Terni con la RC16. A spiegare l’accaduto è lui stesso nel post gara.

“Alla partenza mi sono ritrovato nel gruppo – ha esordito – ero in curva con Marquez all'esterno che la stava chiudendo. Io mi trovavo invece  all’interno, ci siamo toccati e sono finito a terra. Purtroppo mi ha preso nel momento in cui stavo frenando, non ero nemmeno in piega e sono finito a terra, impattando con la testa e il bacino. Peccato, perché questa gara era l’occasione per macinare tanti giri e ottenere esperienza, invece non è stato possibile. Spiace davvero tanto per la mia squadra”.

L’amarezza è grande sul suo volto.
“Lui è andato largo, ci siamo toccati, ma sono cose che possono capitare. Credo che nessuno dei due abbia colpa, dato che in situazioni del genere sono cose che possono accadere. Dispiace molto, perché al di là della prestazione e dei punti, questa era l’occasione per compiere diversi giri e avere informazioni. Adesso aspettiamo il prossimo weekend. Di sicuro correre nuovamente in Qatar sarà l’occasione per migliorare e imparare”.   

Articoli che potrebbero interessarti