Tu sei qui

MotoGP, Rossi: "Ducati favorite, ma nessuno sa cosa succederà a fine gara"

"Miller e Bagnaia sono la squadra più forte al momento, ma mi fa paura anche Rins. Io mi sento più in forma dello scorso anno e mi piace il nuovo team"

MotoGP: Rossi: "Ducati favorite, ma nessuno sa cosa succederà a fine gara"

Share


Il primo obiettivo per Valentino Rossi è raggiunto, quello di mettersi nei primi 10 in classifica e prendersi un posto per le Q2. Era la priorità di tutti i piloti oggi, considerando che nelle FP3 le temperature saranno più alte e migliorare sarà difficile per tutti. Così il Dottore questa notte potrà dormire sonni tranquilli e domani concentrarsi sui dettagli.

Mi sento abbastanza bene - dice - L’obiettivo di stare nella Top 10 era importante oggi e mi sento bene in moto. Ho già migliorato il mio tempo dei test, sono a meno di mezzo secondo da Miller ma 9°, la MotoGP è così”.

Cosa vorresti ancora migliorare?
Mi piace il bilanciamento della moto, quindi devo concentrarmi solo sui dettagli, come l’elettronica per la gestione della potenza. Sarà però cruciale per la gara la scelta delle gomme, perché oggi faceva più caldo del previsto, sembra anche domani, ma domenica le temperature potrebbero essere più basse. Inoltre, naturalmente, saranno importanti le qualifiche”.

La Yamaha ha qualche arma contro le Ducati su questa pista?
“La M1 solitamente a Losail è veloce. Oggi ho seguito sia Miller che Bagnaia, sono veloci, la loro moto accelera bene e sono molto in forma, al momento sono loro la squadra più forte. È facile dire che sono loro i favoriti, ma mi sono accorto di essere più veloce di loro in curva. Sarà difficile contro di loro per tutti, ma il fatto è che nessuno sa cosa accadrà nella seconda parte di gara, non lo sappiamo noi e non lo sa la Ducati. Per questo domani bisognerà lavorare per cercare di capirlo, ma la risposta definitiva la avremo solo domenica sera”.

Le Suzuki sono in difficoltà?
A me in verità fa paura Rins, oggi ha fatto un gran tempo e lui solitamente è più in difficoltà in prova. Inoltre le Suzuki vengono fuori nella seconda parte di gara, perché possono usare le gomme morbide e le stressano meno. Domenica saranno degli avversari tosti, soprattutto Alex, ma non escludo Mir perché è il campione del mondo e oggi è stato fuori dai primi 10 per un soffio”.

Ti senti pronto per la gara?
Sono contento di come ho iniziato questo fine settimana, mi sento forte e guido bene. Nei test ho lavorato sul mio stile e ha funzionato, inoltre mi sento in forma, più dello scorso anno. Mi trovo bene nel team e stiamo lavorando nel modo giusto nel box.

Le previsioni danno vento forte per domenica, c’è il rischio che la gara sia rimandata a lunedì?
Tutto dipenderà dalla direzione in cui soffierà, nei test il vento non era pazzesco ma portava sabbia in pista. È difficile capire cosa accadrà, naturalmente io preferirei correre domenica”.

Articoli che potrebbero interessarti