Tu sei qui

MotoGP, Alex Marquez:: "Senza capotecnico, dopo un incidente: sono veloce"

“Sono fuori dalla top ten per due soli decimi. Due settimane fa mi sono fratturato il piede e oggi non ho nemmeno il mio capotecnico, ma le sensazioni sono positive”

MotoGP: Alex Marquez:: "Senza capotecnico, dopo un incidente: sono veloce"

Share


Due settimane fa si è fratturato il metatarso destro. Oggi è tornato in sella alla propria moto, terminando le libere con il dodicesimo crono a soli due decimi dalla top ten. Non male come inizio quello di Alex Marquez, che in sella alla Honda ha mostrato segnali di grande vitalità nel venerdì di Losail.

Per l’alfiere LCR, nonostante l’esclusione momentanea dall’accesso diretto in Q2, il bicchiere non può che essere mezzo pieno.  

Sono arrivato a questo weekend dopo un incidente importante – ha esordito - al mattino ho faticato, mentre al pomeriggio le sensazioni sono state nettamente migliori. Ho ritrovato infatti la giusta fiducia in sella alla moto e di tutto ciò sono contento.

In Qatar Alex deve per l’occasione rinunciare al suo capotecnico, Christophe Bourguignon, barricato in Quarantena in hotel, causa tampone non valido.
“Spero torni presto, anche se siamo in contatto via skype devo dire che stamani ero nervoso. Volevo fosse tutto sotto controllo all’interno del box, data la sua assenza. Alla fine non è andata male. Non sono in Q2, ma è stata comunque una giornata positiva e il bilancio è incoraggiante”.

Al momento Alex è fuori dalla top ten.
“Nei test non ho provato a fare il tempo sul giro secco. A parte ciò penso sia stato fatto un bel lavoro dalla squadra, infatti sono sorpreso per essere in 12^ posizione. Ovvio che c’è ancora molto da migliorare, infatti domani riprenderemo il lavoro da dove l’abbiamo lasciato. Oggi tutti i piloti hanno spinto al massimo in FP2, dato che domani sarà complicato migliorarsi in FP3”.

La mente dello spagnolo è quindi rivolta al sabato.
“Come ho detto il bilancio è positivo. Stamani ho cercato di  essere cauto, soprattutto nel corso della FP1, dove le condizioni sono diverse rispetto alla gara. Ho sfruttato la giornata per cercare di dare il massimo e capire dagli errori commessi. Nella FP4 lavorerò sul passo e sulla scelta della gomma, puntando a fare la scelta corretta”.   

Articoli che potrebbero interessarti