Tu sei qui

Harley-Davidson LiveWire, più peso, meno potenza ma maggior durata?

Harley-Davidson non lascia anzi, rilancia sull'elettrico lavorando sulla LiveWire e nomina un nuovo responsabile dei veicoli elettrici.

Moto - News: Harley-Davidson LiveWire, più peso, meno potenza ma maggior durata?

Share


La rimozione dei futuri modelli elettrici dal sito USA di Harley-Davidson, aveva fatto pensare a un altro colpo d'ascia del piano The Hardwire di Jochen Zeitz. Invece, la casa di Milwaukee rilancia il suo impegno rinforzando l'unità dedicata allo sviluppo delle moto elettriche. E non solo, perché la sua prima moto silenziosa, la LiveWire, si starebbe aggiornando con sostanziali modifiche alla batteria.

Divisione elettrica

La prima notizia che dimostra l'impegno di Harley-Davidson nel segmento delle moto elettriche è la nomina del nuovo capo della divisione dedicata allo sviluppo dei veicoli elettrici: Ryan Morrisey infatti è il neo CEVO (Chief Electric Vehicle Officer).

Intanto, a Milwaukee c'è una nuova divisione rivolta alle moto ad alimentazione elettrica, e poi è arrivato il suo capo: insomma, non si molla e, anzi, si rilancia sull'impegno verso una mobilità più green.

E con una sola mossa, Jochen Zeitz smentisce le voci di un disimpegno dal settore elettrico e rafforza uno dei punti del suo The Hardwire, quello riferito al rafforzamento “dell'impegno per l'elettrico con la creazione di una divisione dedicata focalizzata esclusivamente a guidare il futuro delle motociclette elettriche”.

“Ryan ha una vasta esperienza con i principali OEM [acronimo di “Original Equipment Manufacturer, ovvero produttore di apparecchiature originali, destinati a essere installati in un prodotto finito], lavorando alla creazione di aziende per sviluppare, commercializzare e supportare veicoli elettrici. Sono entusiasta di averlo unito al team per aiutarci a guidare l'elettrico”, ha commentato così Jochen Zeitz, presidente e CEO di Harley-Davidson.

Il piano The Hardwire per il quinquennio 2021-2025 prevede un focus dedicato all'elettrico, mirando a una crescita redditizia a lungo termine e al valore per gli azionisti e mirando a migliorare la sua posizione come il marchio motociclistico più desiderabile al mondo.

Morrissey inizierà l'1 aprile, portando in Harley-Davidson la sua esperienza di oltre due decenni.

Novità elettriche

Al fianco di questa notizia ufficiale, ne arriva una ufficiosa: la casa di Milwaukee ha depositato i documenti di certificazione presso l'ufficio brevetti australiano riguardo la LiveWire di nuova generazione.

Nonostante le sue origini, Harley-Davidson è stata la prima azienda motociclistica a produrre una moto elettrica, la LiveWire.

L'inizio del progetto risale al 2014, la presentazione della versione definitiva però è avvenuta a Eicma 2019 e ora si sta pensando al primo aggiornamento.

Questi primi anni hanno consegnato al centro ricerca e sviluppo di Harley-Davidson l'esperienza necessaria per capire cosa e come modificare nella LiveWire.

Per modificare si intende migliorare ma, come per ogni cosa, un miglioramento richiede qualche sacrificio: infatti nei documenti depositati in Australia variano i valori di peso e potenza.

Stando alle carte ufficiali, la LiveWire aumenta di peso passano da 249 kg a 255 kg mentre la potenza cala da 105 CV (78 kW) a 11.000 giri a 101 CV (75 kW) a 10.500 giri.

Le modifiche a prima lettura appaiono negative, ma hanno una giustificazione che non può che far piacere: quei 6 kg in più significa che la nuova LiveWire sarà equipaggiata con una nuova batteria, più grande e con una maggior capacità per aumentare l'autonomia della moto.

In fondo, le Harley non sono famose per essere potenti e prestazionali e se con qualche cavallo in meno si possono percorrere alcuni chilometri in più, la strada è quella giusta.

Ulteriori novità

Ma le novità non finiscono qui: davvero un presidente così attento al bilancio ha creato una divisione dedicata alle moto elettriche, per un solo modello?

È fuori discussione e il punto del piano Hardwire è una ammissione: prepariamo a vedere nuovi modelli elettrici del Bar and Shield quindi e, tra questi, magari anche lo scooter elettrico al quale avevamo dedicato un po' di memoria nel nostro back-up.

Una prima indiscrezione, se vogliamo leggerla così, l'ha data proprio Zeitz, che aveva dichiarato che il futuro a breve della mobilità elettrica è urbana.

Quindi, quei modelli sono stati eliminati solo dai siti ufficiali di Harley-Davidson ma non dai piani stratigici.

Articoli che potrebbero interessarti