Master of Hospitality Home Edition: cappellaci ripieni di baccalà mantecato

Lo chef di Leopard ha preparato per GPOne.com e Prosecco Doc una ricetta elaborata ma nel contempo semplice per un primo da urlo: provatela nella vostra cucina

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


L'attuale pandemia non ci consente di tornare nel paddock della MotoGP come d'abitudine. Anche il GP inaugurale del 2021, in Qatar, sarà praticamente a porte chiuse. Ciò non vuol dire però non sognare la tanto agognata nornalità che per noi equivale, nei momenti liberi dalle prove, di poterci rilassare nelle migliori Hospitality del motomondiale.

Fra le tante, di ottima qualità, quella del team Leopard che dimostra come anche un piccolo ma efficientissimo team della Moto3 può rivaleggiare con i mega-team della MotoGP. Anche in questo caso, tutto dipende dal 'manico'. Qui la 'prima guida' è lo chef Pietro Matarazzo. Divertitevi a cucinare questa ricetta realizzata in esclusiva per GPOne.com.

Ecco le sue istruzioni per una preparazione passo-passo. Provate a seguirle, improvvisatevi cuochi, vi assicuriamo che la soddisfazione finale sarà grande!

Il progetto è stato attivato dai nostri amici del consorzio del Prosecco Doc.

"Salve ragazzi, sono Pietro Matarazzo chef del team Leopard, siamo qui per riprendere il nostro progetto delle ricetta a casa perché ovviamente con il Covid non riusciamo a farlo in circuito.

La ricetta di oggi sono dei cappellacci ripieni di baccalà mantecato. Qui abbiamo tutti gli ingredienti per la ricetta: per la pasta fresca ci servono 400 grammi di farina 00, 100 grammi di farina di semola rimacinata, 150 di uova. Per il ripieno useremo del baccalà già mantecato. Per quanto riguarda la salsa di accompagnamento faremo una bisque di gamberi. Questa bisque la faremo con una base di sedano, carota e cipolla e andremo ad accompagnarla con un concentrato di pomodori, con della farina, che sfumeremo con il Prosecco Doc. Tutto ciò accompagnato da una mollica di pane aglio olio e peperoncino, dei pomodorini e del basilico fritto.

Prendiamo i nostri carapaci, un filo d’olio e li inforniamo a 200 gradi, con degli aromi e degli agrumi.

Intanto prendiamo la nostra bisque di sedano, carota e cipolla, aggiungiamo un filo d’olio, i nostri carapaci sono pronti, tutto è rosolato, aggiungiamo i nostri carapaci, aggiungo il concentrato di pomodoro e aggiungo la farina. Facciamo in modo che tutto si carammellizzi in modo da sfumare con il Prosecco. Facciamo evaporare l’alcool del Prosecco Doc e bagniamo con dell’acqua e lasciamo cuocere per un’oretta, per ottenere una salsa molto tirata e molto saporita.

Intanto andiamo a preparare la pasta fresca per i nostri cappellacci, aggiungiamo 150 grammi di tuorlo, due uova, intanto stiamo filtrando la bisque di gamberi che si è addensata

La nostra pasta è stesa e andiamo a comporre i nostri cappellacci, li bagniamo con il tuorlo d’uovo per favorire la chiusura.

Adesso li chiudiamo.

Ecco qui i nostri cappellacci ripieni di baccalà. Adesso andiamo ad arrostire i carciofi per completare il piatto, con aglio e menta.

Adesso andiamo a condire la tartare di gambero, olio di olia, sale e condiamo con un po’ di Prosecco Doc.

Ora che l’acqua bolle buttiamo i nostri cappellacci, bastano un paio di minuti e poi li andiamo a saltare con la nostra bisque.

Ci siamo. Mettiamo la nostra salsa, questa è la mollica di pane fatta in padella, con aglio olio e peperoncino, aggiungiamo della granella e i nostri carciofi ed i pomodorini e le foglie di basilico fritto.

Il piatto è:  cappellaci ripieni di baccalà mantecato, saltati con una bisque di gamberi, accompagnati da una tartare di gambero, aromatizzata al lime ed al Prosecco Doc, dei carciofi arrostiti, del pane aromatizzato aglio olio e peperoncino e pomodorini".

Articoli che potrebbero interessarti