Tu sei qui

Sabine Schmitz: l'addio a 51 anni della regina del Nürburgring

Malata dal 2017, sembrava aver sconfitto il cancro, ma una ricaduta ce l'ha portata via oggi, 16 marzo 2021. Unica donna ad aver trionfato alla 24 ore del Nürburgring, era diventata una star anche in TV, cominciando da TopGear

Auto - News: Sabine Schmitz: l'addio a 51 anni della regina del Nürburgring

Share


Anni fa con un amico ho vissuto una di quelle esperienze che ogni motociclista dovrebbe fare. Abbiamo caricato le nostre due moto sul furgone e siamo partiti alla volta della Nordschleife, il mitico tracciato del Nürburgring. Arrivati a destinazione abbiamo cercato un posto dove dormire e con grande soddisfazione abbiamo scoperto che l'Hotel che avevamo scelto era gestito proprio dalla sorella di un mito per noi appassionati, la regina del Nürburgring, Sabine Schmitz. Nata ad Adenau il 14 maggio 1969, Sabine ha intrapreso la carriera di pilota automobilistico ed è iniziata a diventare famosa perchè nel 1998 è stata la prima donna a vincere la 24 Ore del Nürburgring.

Una carriera legata a doppio filo al circuito di casa, che racchiude al suo interno il paese di Nurburg e in cui l'atmosfera che si respira è unica, si viene svegliati dalle auto che girano sul tracciato, che è una via di mezzo tra una strada ed un circuito vero e proprio. Proprio per questo negli anni si è consacrato come scenario ideale per lo sviluppo delle auto stradali più sportive. Si può girare con qualsiasi mezzo, a due e quattro ruote e Sabine era diventata famosa anche per la sua carriera di guidatrice del mitico Taxi Ring, una BMW M5 con cui si divertiva a far fumare le gomme posteriori per regalare una esperienza tutta adrenala ai suoi passeggeri, lungo i quasi 21 km della Nordschleife.

La fama vera arriva però dalla carriera televisiva, iniziata con una partecipazione a Top Gear nel 2002 (proprio con Jeremy Clarkson passeggero del Ring Taxi da lei guidato) e proseguita con altre apparizioni nella nota trasmissione della BBC, tra cui quella più famosa forse, in cui con un furgone Ford Transit (praticamente di serie, salvo l'eliminazione di alcuni elementi superflui) ha girato nello strabiliante tempo di 10 minuti e 8 secondi.

Successivamente è diventata conduttrice di Fifth Gear, al fianco di Tiff Needell, per poi tornare a Top Gear UK nell'anno 2016. Si dice che sia stata anche uno dei piloti celati sotto il casco del personaggio di Stig. Al contempo la sua carriera di pilota è proseguita, legata a due marchi tedeschi in particolar modo: Porsche e BMW, fino al 2017. La malattia la colpisce infatti a 48 anni circa, sembra averla battuta, tant'è che Sabine torna alle competizioni nel 2019, ma alla fine la battaglia è persa. Oggi gli appassionati di motori perdono una persona che restarà a lungo nella memoria, un ottimo pilota, ma soprattutto una persona solare e sempre sorridente, in grado di trasmettere la passione a chiunque la vedesse all'opera, in TV e non solo. Addio regina del Ring

 

Articoli che potrebbero interessarti