Tu sei qui

SBK, Rinaldi: "Ho portato in Ducati la pazzia romagnola. Redding il riferimento"

"Scott conosce la moto e sarà il riferimento. Sta lavorando diversamente rispetto a me. Sono il migliore di questi test ma senza Rea è tutto relativo. Ho provato i nuovi freni Brembo: ottimo lavoro"    

SBK: Rinaldi: "Ho portato in Ducati la pazzia romagnola. Redding il riferimento"

Share


Si sono conclusi i test SBK di Misano con Michael Ruben Rinaldi che ha chiuso la due giorni romagnola al primo posto. Lui e la sua Ducati hanno dimostrato di poter andare forte fin da subito e sembra che il passaggio al team ufficiale Aruba non abbia sconvolto troppo il 25enne. 

“Non posso essere egoista – ha detto – C’è un’azienda intera che lavora per lo stesso obiettivo e io devo essere aperto mentalmente per adattarmi a questa nuova avventura. Sono in un ambiente di grandi professionisti, la squadra può dare tanto a me ma io posso portare un po’ di pazzia romagnola”. 

Hai chiuso al primo posto questi test SBK, davanti anche al tuo compagno Scott Redding. Ci sono già le basi per sognare in grande?
“Finire in prima posizione un test da qualcosa a livello morale ma nessun punto in classifica. Ovviamente essere primi senza il numero uno, che è Rea, è molto relativo. Johnny va forte in ogni circostanza ma io sono andato bene rispetto a tutti gli altri anche se non sappiamo bene il lavoro che hanno fatto. Scott Redding è il riferimento per Ducati e sarà così per tutta la stagione, sta lavorando in modo diverso da me perché conosce già la moto”. 

Quale è stato, quindi, il tuo lavoro in questa due giorni di prove a Misano? Cosa ti ha convinto di più della Ducati?
“Sono molto contento di questi test, avevamo un piano chiaro e lo abbiamo rispettato in pieno. Nel corso della prima giornata ho fatto delle comparative tra la moto 2019, ovvero quella che usavo lo scorso anno in GO ELEVEN, e la 2020. A quel punto abbiamo visto che ero già più veloce e allora abbiamo voluto migliorare con la 2020. Proverò la 2021 a Barcellona ma sono soddisfatto di quello che ho fatto qui, non ci resta che migliorare la moto sul giro secco perché è troppo fisica e si muove”. 

Infatti, sei anche caduto quando eri due decimi più veloce rispetto al tuo miglior tempo. Abbiamo anche visto che Can Oncu ti ha fatto da tassista. 
“Si, lui era caduto al mattino e io lo ho riportato ai box, nel pomeriggio mi ha reso il favore. Per quanto riguarda la caduta, dovevo rischiare qualcosa perché questi sono solo test, stavo cercando il limite”. 

Rinaldi: "Ho provato i nuovi freni Brembo: ho sentito la differenza"

Hai provato le nuove specifiche di Brembo?
“Si, appena montate non mi sembravano delle vere e proprie migliorie ma confrontandole con le vecchie ho sentito tutta la differenza. Brembo ha fatto un ottimo lavoro”. 

A che punto sei della tua condizione? 
“Tra ieri e oggi ho fatto tanti giri e non girando da tanto l’ho accusato. Quest’inverno mi sono preparato bene e mi sento pronto al 90%, questi 2 mesi farò l’altro 10% di preparazione”. 

Audio raccolto da Riccardo Guglielmetti a Misano
Foto: Facebook Aruba.it - Ducati

Articoli che potrebbero interessarti