Tu sei qui

SBK, Redding: “A Misano non mi sono trovato a mio agio con la Ducati come volevo”

“Speravo di ottenere maggiore fiducia con la Panigale V4. Per vincere il Mondiale con la Ducati sto dedicando ogni giorno della mia vita”

SBK: Redding: “A Misano non mi sono trovato a mio agio con la Ducati come volevo”

Share


Scott Redding ha archiviato i test di Misano, dovendo accontentarsi del quarto tempo a oltre sette decimi dalla vetta. In questa seconda e ultima giornata di test, il portacolori Aruba ha preferito non rincorrere il cronometro, concentrandosi prevalentemente sullo sviluppo della V4 e la valutazione di diverse componenti.

Inoltre, a differenza di Michael Rinaldi, non ha utilizzato la gomma da tempo, preferendo continuare con quella da qualifica. Dal volto di Scott non sembra trapelare quindi la giusta fiducia, dal momento che si aspettava qualcosa di più.

“Sono stati due giorni interessanti questi di Misano – ha esordito il vicecampione del mondo della Superbike – ho cercato di ottenere una maggiore fiducia con la nuova moto, ma non mi sono trovato a mio agio come speravo. Ho provato a migliorare, ma purtroppo non ci sono riuscito come mi sarebbe piaciuto”.

Sul tracciato della Riviera il britannico è arrivato a oltre mezzo secondo da Rinaldi, ma ecco spiegato il perché.
“Non ho utilizzato la gomma da tempo, ho infatti preferito concentrarmi per tutta la due giorni sulle gomme da gara e quelle usate, focalizzandomi sul passo”.

Redding cerca però di vedere il bicchiere mezzo pieno.
“Personalmente sono dell’idea che la Ducati non sia una moto che si comporti male, ma devo cercare di trovare qualcosa di più. A tal proposito sono curioso di vedere come mi comporterò su altre piste, come ad esempio Barcellona, quando andremo a girare a fine mese”.

Test a parte, Redding non si ferma un solo momento per questo Mondiale.
Mi sto preparando dal punto di vista fisico perché voglio diventare campione del mondo e la mia vita è rivolta nell’arrivare a centrare questo obiettivo. Negli ultimi due anni ci sono stati cambiamenti e ho cercato di adattarmi ad  ogni situazione, i modo da presentarmi a ogni sfida nel migliore dei modi”.

Da domani lo rivedremo nuovamente in sella alla sua bicicletta.
“Amo molto andare in bici, anche col cross, dedico ogni giorno della mia vita a preparare la prossima stagione, perché il mio obiettivo è vincere il Mondiale con la Ducati”.

Articoli che potrebbero interessarti