Tu sei qui

Ezpeleta: "La MotoGP può mostrare al mondo l'importanza del vaccino"

"I nostri piloti sono un modello per le giovani generazioni. Il governo del Qatar ci sta dando una grande opportunità ma ognuno sceglierà per sé stesso"

MotoGP: Ezpeleta: "La MotoGP può mostrare al mondo l'importanza del vaccino"

Share


Come vi avevamo raccontato nella giornata di ieri il governo del Qatar ha offerto le vaccinazioni Covid-19 al paddock della MotoGP. Molti piloti nelle interviste di fine test hanno dichiarato di aver già approfittato di questa opportunità mentre altri, come Mir e Rins, aspetteranno il consulto con il proprio medico prima di vaccinarsi. A fronte di questa notizia la MotoGP ha pubblicato un'intervista a Carmelo Ezpeleta.
"Dal 2004, il Qatar fa parte del Campionato del Mondo MotoGP e dal 2007 è il primo Gran Premio dell'anno - ha detto il CEO di Dorna - È diventato una tradizione e tutti sono molto felici di iniziare il campionato lì! Quest'anno, grazie al fantastico rapporto tra il governo e la Dorna e a causa della situazione e della difficoltà di andare ai GP americani, abbiamo deciso di proporre alle autorità del Qatar di organizzare due Gran Premi consecutivi a Losail e fare tutti i test qui. Il governo del Qatar, visto che il programma di vaccinazione sta andando bene, ci ha poi offerto la possibilità di vaccinare il paddock e questo è qualcosa di incredibile per noi. Tutta la famiglia MotoGP lo apprezza molto e voglio cogliere l'occasione per dire grazie mille al governo del Qatar".

Quanto è importante questo programma per aumentare la sicurezza di tutti nel paddock? 
"Questo è molto importante per noi. Durante il 2020 abbiamo seguito dei protocolli molto importanti per mantenere una bolla tra le persone nel paddock della MotoGP, che sono ridotte di numero rispetto al 2019. Questo ci ha permesso di avere una stagione sicura lo scorso anno. Ora, il governo del Qatar ci sta offrendo la possibilità di essere vaccinati, ma ogni individuo deciderà se accettare o meno. La stragrande maggioranza delle persone ha accettato ed è felicissima di farlo, alcune persone per motivi diversi non possono. Ma noi siamo estremamente felici perché queste vaccinazioni ci permettono di aumentare la sicurezza e diminuire il contagio. È molto importante per la sicurezza, naturalmente in Qatar, ma soprattutto negli altri Gran Premi. La famiglia della MotoGP, la stragrande maggioranza, sarà vaccinata".

I piloti della MotoGP possono essere dei buoni modelli per incoraggiare le persone a vaccinarsi?
"I nostri piloti sono persone molto popolari, soprattutto per le giovani generazioni. Sono molto attenti alla loro salute e prendono le loro decisioni per essere il più forte possibile, ed evitare le infezioni. Abbiamo dimostrato l'anno scorso con la nostra bolla che è possibile lavorare in tutto il mondo con pochi casi, e spero che con le vaccinazioni anche quelli che abbiamo avuto possano essere ridotti. Penso che siano un modello importante per la società e grazie al Qatar, abbiamo la possibilità di mostrare al mondo quanto sia importante per tutti i nostri eroi essere vaccinati".

Articoli che potrebbero interessarti