Tu sei qui

MotoGP, Quartararo: “Miller? Non sono arrabbiato, mi sono messo a ridere”

“Quando ho visto il tempo di Jack ho pensato: cavolo ha fatto meglio. Se trovassi due decimi potrei giocarmi la vittoria”. Vinales: “Fatichiamo in velocità massima, e devo migliorare la partenza”

MotoGP: Quartararo: “Miller? Non sono arrabbiato, mi sono messo a ridere”

Share


Fabio Quartararo assaporava il miglior tempo di giornata a Losail. Peccato ci abbia pensato Jack Miller a mettergli i bastoni tra le ruote, tanto da relegarlo al secondo posto, davanti a Maverick Vinales. Una beffa per il francese: “Jack è stato un po’ più veloce di me alla fine – ha esordito - non ero arrabbiato quando ho visto il suo crono sulla torre, mi sono più che altro messo a ridere: “cavoli, ha fatto meglio”. Ma lo sappiamo che Jack e la Ducati sono forti qua a Losail e di sicuro possono puntare alla vittoria”.

Questo per quanto riguarda l’australiano. L’attenzione di Fabio si sposta poi sulla giornata di test.
“È stata una giornata strana inizialmente, perché sono rimasto a lungo nel box. Poi sono riuscito a fare uno dei miei migliori giri di sempre, ma non è bastato, perché Miller ha fatto meglio. Sono comunque entusiasta, perché stiamo seguendo la giusta direzione e il nuovo telaio mi sta dando delle belle sensazioni. Ovvio che avere uno o due decimi in più sul passo gara sarebbe fantastico per lottare per la vittoria. Però non siamo lontani, perché stiamo lavorando e ho riscontrato diversi miglioramenti, in particolare di guida”.

Ovviamente ci sono alcuni aspetti sui cui lavorare.
“In frenata non mi sento ancora bene e nel confronto con la Ducati rischiamo di soffrire, di conseguenza servirà migliorare. Se ci fossero anche 20 cavalli in più di motore non sarebbe male, dato che le Ducati sono velocissime in rettilineo. Ovvio che il motore non possiamo cambiarlo, ma di sicuro abbiamo il tempo per lavorare e compiere un passo avanti in termine di prestazione”.

Fabio è focalizzato su di sé, ma il tema Miller incombe.
“Jack è forte e veloce e sono convinto che sarà un avversario difficile per tutti. Ma in questo Campionato ci sono molti piloti forti che possono ambire a vincere”.

La parola passa poi a Maverick Vinales, terzo di giornata davanti alla Rossa di Zarco.
Tutto sommato è stato un mercoledì positivo – ha commentato lo spagnolo – peccato per la caduta in curva 1, avevo la gomma media, la temperatura si è abbassata e sono finito a terra. A parte questo sono felice, perché stiamo andando nella giusta direzione e le sensazioni sono positive”.

Per Maverick c’è comunque molto lavoro da svolgere.
“Di sicuro serve fare un passo avanti con le partenze, dato che in passato abbiamo sofferto. Le sensazioni sono comunque buone, soprattutto visti i tempi, dato che in sella alla moto mi trovo bene e anche la Yamaha sta lavorando in modo accurato. Nel finale di giornata ho inoltre realizzato alcuni giri veloci ed è un indizio importante per il prosieguo dei test”.

L’ultima battuta riguarda la velocità.
“Sappiamo di accusare qualcosa in termini di velocità, proprio questo serve proseguire il nostro lavoro di sviluppo. Ma al tempo stesso bisogna essere nelle posizioni di vertice quando inizia la gara, cercando di spingere al massimo. Questo è il nostro obiettivo”.    

Articoli che potrebbero interessarti