Tu sei qui

MotoGP, Danilo Petrucci: "Sto iniziando a guidare la moto come voglio io"

"A piccoli passi ci stiamo avvicinando al gruppo di testa, ma la strada è ancora lunga". "La KTM è un'ottima erogazione e una buona frenata"

MotoGP: Danilo Petrucci: "Sto iniziando a guidare la moto come voglio io"

Share


Cambiare contemporaneamente formazione e moto richiede tanta dedizione e una lunga fase di adattamento. Ne sa qualcosa Danilo Petrucci, passato quest'anno al Team Tech3 KTM Factory Racing al termine di un lungo sodalizio con Ducati. Se le iniziali sessioni di settimana scorsa lo avevano relegato nelle zone basse della classifica, con qualche giorno di esperienza in più sulle spalle, adesso sembra finalmente scorgersi luce in fondo al tunnel. Il ternano ha terminato la terza giornata di test ufficiali sul tracciato di Losail in 17esima posizione, consapevole dei progressi effettuati. Basti pensare che il distacco dal compagno di marca Miguel Oliveira è sceso da un secondo ai "soli" quattro decimi.

"Sono contento, mi sono divertito e finalmente sto iniziando a guidare la moto come voglio - ha sottolineato - questo mi consente di dare indicazioni più precise alla squadra. Ci stiamo avvicinando al gruppo di testa, ma la strada è ancora lunga. Ho ridotto lo svantaggio dalla migliore KTM, limando di oltre un secondo il mio tempo. Oggi sono andati veramente forte là davanti, però nel nostro piccolo abbiamo apportato delle modifiche vantaggiose per me. Ovviamente il gap da Miller è ampio, cercheremo di colmarlo attraverso il duro lavoro".

Giunto alla terza uscita collegiale del 2021, la confidenza sta aumentando considerevolmente e il ternano ha tracciato un bilancio complessivo sui punti di forza della RC 16. Malgrado la pista qatariota non sia del tutto congeniale alle caratteristiche della moto della Casa austriaca, Danilo è convinto che si possano ottenere prestazioni di spessore nei restanti appuntamenti.

"La KTM ha un'ottima erogazione e una buona frenata, per cui saremo avvantaggiati in tracciati con scarso grip e forti staccate - ha puntualizzato - chiaramente per noi non sarà semplice dato che i test e le prime due gare si svolgeranno esclusivamente qui in Qatar, dobbiamo rimboccarci le maniche e portare a casa il massimo risultato possibile".

In attesa di long run maggiormente indicativi, nella prossima giornata di test Danilo Petrucci compierà alcune prove comparative volte a impreziosire il proprio apprendistato sulla moto. 

"Domani continueremo a lavorare su questa strada, ci sono ancora alcuni aspetti della moto a me sconosciuti. L'imperativo è muoversi in un'unica direzione nel tentativo di trovare le soluzioni più congeniali al mio stile di guida. Probabilmente l'ultimo giorno effettueremo anche una simulazione per capire come siamo messi in ottica gara".

Articoli che potrebbero interessarti