Tu sei qui

Ducati Monster, iniziata la produzione della nuova naked

Per l'occasione del nuovo Monster è stato tenuto a battesimo dai piloti Ducati MotoGP Pecco Bagnaia, Enea Bastianini e Luca Marini.

Moto - News: Ducati Monster, iniziata la produzione della nuova naked

Share


A Borgo Panigale è partita la produzione del nuovo Ducati Monster. A tenere a battesimo l'avvio della produzione della nuova naked c'erano i piloti Ducati MotoGP: Pecco Bagnaia (Ducati Lenovo Team), Enea Bastianini e Luca Marini (Team Esponsorama Racing).

L'arrivo nelle concessionarie Ducati è atteso per aprile, anche in versione depotenziata.

Iniziata la produzione

È il Monster che divide, chi lo ama già e chi invece senza il suo tradizionale telaio a traliccio non può vederlo.

Ma se l'estetica è soggettiva, i numeri possono mettere tutti d'accordo: il nuovo Ducati Monster infatti promette divertimento per tutti i motociclisti, dai neopatentati ai più esperti, grazie alla sua leggerezza e alle dimensioni compatte.

La nuova naked bolognese ha un peso in ordine di marcia inferiore ai 190 kg, circa una ventina in meno rispetto all'821 ed è disponibile anche con la sella ribassata per una maggior comodità.

A bagnare l'avvio della produzione i piloti Ducati MotoGP hanno fatto da padrini per l'occasione, passando una mattinata nello stabilimento bolognese e pranzando con il personale dell'azienda, prima di partire per i primi test in Qatar.

A Borgo Panigale dal 1993 sono stati prodotti oltre 350 mila esemplari di Monster: è la famiglia più longeva e venduta di Ducati.

Stessa filosofia

Il Monster 2021 riprende la filosofia che ha ispirato il designer argentino Michel Galluzzi nello sviluppo della prima serie nel 1993: una naked essenziale, leggera e sportiva, con un telaio derivato dalla superbike ma adatto all’uso stradale.

L'ultima generazione del Monster enfatizza questi aspetti: l'attenzione dei progettisti Ducati si è rivolta alla riduzione del peso totale, ottenuta grazie a diversi interventi e adottando un nuovo telaio front frame in alluminio con il motore a svolgere una funzione portante.

I numeri

Il risultato è una moto che pesa 4,5 kg in meno rispetto la precedente versione con telaio a traliccio, un motore più leggero di 2,6 kg per un peso a secco totale di 166 kg.

Il motore è il bicilindrico a L Testastretta 11° da 937 cc che eroga una potenza di 111 CV a 9.250 giri e una coppia di 93 Nm a 6.500 giri.

Rispetto al motore 821 significa avere 2 CV in più mentre la coppia cresce di poco ma raggiunge il picco 1.250 giri prima.

Oltre a essere leggero e maneggevole, con un raggio di sterzo aumentato a 36° (7° in più rispetto all’821) , Ducati Monster 2021 è piacevole da guidare grazie al nuovo cambio Ducati Quick Shift Up/Down di serie.

L'altezza della sella da terra è d 820 mm ma può essere ridotta a 775 mm con la sella ribassata e più stretta.

Tecnologia

Il Monster, in quanto Ducati, è imbottito di tecnologi e di sistemi di assistenza alla guida reglabili: ABS Cornering, Traction Control e Wheelie Control, Launch Control, tre Riding Mode (Sport, Urban, Touring), Smart Power Mode che regola la curva di coppia su tre livelli (Urban, Touring e Sport).

La regolazione di questi apparati è gestibile dai comandi al manubrio e controllabile sul display TFT a colori da 4,3”.

Su richista è possibile avere a disposizione il Ducati Multimedia System (DMS) per connettere il proprio smartphone tramite bluetooth.

Colori, disponibilità e prezzo

Il nuovo Ducati Monster è disponibile in in due versioni: standard e Plus, con cupolino e copri sella.

Entrambi le versioni sono disponibili in tre colorazioni: la classica Rosso Ducati con ruote nere, la sofistica Aviator Grey con ruote rosse e la sportiva Dark Stealth con ruote nere.

È possibile personalizzare il Monster grazie a degli speciali kit adesivi e di vestizioni grafiche.

L'arrivo del nuovo Ducati Monster nelle concessionarie è previsto per aprile 2021, al prezzo di 11.290 euro per il Monster standard e 11.590 per il Monster Plus.

Prevista anche una versione depotenziata a 35 kW per i possessori di patente A2, a un prezzo inferiore di 1.000 euro.

Articoli che potrebbero interessarti