MotoGP, Santi Hernandez: "Quando Marquez tornerà penserà al titolo, come noi"

VIDEO  - Il capotecnico di Marc: "dobbiamo lavorare per essere pronti, la cosa più importante è che ritrovi le sue sensazioni sulla Honda"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Santi Hernandez è l’ombra di Marc Marquez nel box Honda. A legarli non è solo un rapporto professionale, tra capotecnico e pilota, ma anche un rapporto di amicizia che si è fortificato negli anni. Il tecnico spagnolo, in un’intervista che potete vedere anche nel video qui sopra, ha parlato del 2020 senza il suo pilota nel box e del futuro.

Il 2020 è stato un anno difficile e strano, soprattutto in pista. Cosa hanno insegnato a te e alla tua squadra questa circostanze uniche?
"Fondamentalmente, è stato un anno difficile perché dopo l'infortunio di Marc c’è stata una situazione strana perché non eravamo mai stati in MotoGP in quel tipo di situazione con Marc e naturalmente dopo che Stefan è arrivato per sostituirlo. All'inizio era strano perché lui è il collaudatore e pensavamo che fosse solo per tre gare ma gara dopo gara abbiamo visto che Marc non tornava e alla fine Stefan ha fatto tutta la stagione. Certo, per lui è stato difficile perché non è facile combinare l'essere un collaudatore e un pilota e naturalmente all'inizio per lui è stato difficile perché non aveva la velocità di gara, ma passo dopo passo e gara dopo gara, ha capito come guidare la moto e ha capito. La squadra e la Honda hanno lavorato molto bene per provare materiale per il futuro e per migliorare in gara con Stefan. Alla fine penso che ci sia stato un grande lavoro da parte della squadra e di Stefan perché alla fine ha fatto un ottimo risultato, stava lottando per la top 10 e per noi era molto importante".

Cosa significa lavorare nel team Repsol Honda?
"Come ho detto molte volte, quando ero giovane seguivo le gare e il team Honda è stato sempre il migliore della MotoGP. È un sogno lavorare insieme alla Honda e quando ho iniziato a lavorare con loro ero così felice e orgoglioso. Voglio dire grazie per quello che hanno fatto l'anno scorso, era una situazione difficile con il Covid, e loro ci hanno rispettato e ci hanno aiutato come potevamo sperare. Voglio dire grazie perché non molte squadre o anche fabbriche o aziende sono in grado di fare questo, e Honda sta lavorando molto duramente per darci buon materiale e mantenere la calma in questa situazione. Per questo voglio dire grazie perché in queste situazioni difficili fanno un ottimo lavoro".

Quale sarà l'approccio della squadra senza Marc ai test in Qatar?
"Per la squadra e per HRC non c'è nessun cambiamento. Naturalmente, vogliamo che Marc torni il più presto possibile perché questo è il nostro obiettivo e lui il nostro pilota. Ma siamo felici di avere Stefan perché l'anno scorso ha fatto un ottimo lavoro e ora quello che vogliamo fare con Stefan e la Honda è cercare di valutare le novità che abbiamo per questa stagione, cercare di impostare il lavoro il più possibile per essere pronti per Marc quando tornerà, per dargli tutto il meglio per ottenere buoni risultati. Ma la cosa più importante è provare il materiale per essere pronti per quando Marc torna".

Il vostro approccio alla nuova stagione cambierà con Marc che non ha corso per un anno?
"L'approccio per questa stagione è un po' diverso rispetto al passato, perché con un anno senza correre  a causa del suo infortunio prima di tutto dovremo controllare come Marc si sentirà fisicamente e naturalmente come saranno le sue sensazioni sulla moto, questa è la cosa più importante. Ma quando si lavora con un pilota come Marc, bisogna sempre pensare di provare a lottare per il titolo. Naturalmente ora è un po' diverso ma io spero, anzi penso, che anche Marc penserà al titolo".

Cosa serve per preparare una stagione nel Campionato del Mondo MotoGP, come prepari te stesso e la tua squadra?
"Per la squadra e per me, la situazione non cambia molto perché alla fine dobbiamo essere pronti per l'inizio della stagione. Comunque, Marc è in una situazione diversa rispetto al passato, ma per la squadra e per la Honda non c'è nessun cambiamento. Stiamo lavorando per migliorare rispetto all'anno scorso, le aree su cui intervenire sono simili con Stefan come con Marc in passato. Per noi non c'è un grande cambiamento, ovviamente si pensa a quando Marc tornerà, ma per il nostro lavoro non cambia molto. Dobbiamo essere pronti per quando Marc tornerà e cercare di fare del nostro meglio".

Articoli che potrebbero interessarti