MotoGP, Cecchinello: "Gresini è stato un avversario feroce ma corretto, e un amico"

"Avevo un suo poster in camera da bambino, poi ho corso contro di lui. Da manager mi ha insegnato tanto, in pratica tutti abbiamo copiato il suo approccio. Arrivato in MotoGP gli ho chiesto tanti consigli, magari un giorno li darò io a Rossi"

Share


Lucio Cecchinello e Fausto Gresini si sono sfidati in pista e fuori. Il titolare del Team LCR è più giovane del compianto Fausto, ma ad inizio carriera ha avuto l'opportunità di correre in pista contro un Gresini che invece era alla fine della propria carriera da pilota. I due però non sapevano che in seguito quella rivalità sarebbe continuata nei panni di manager di due squadre di grande successo nel paddock del motomondiale. 

Rivali, ma anche amici, uniti dalla passione per il proprio lavoro e della voglia di primeggiare. Lucio ha raccontato ai colleghi di Speedweek il rapporto coltivato con Fausto negli anni, disegnando i contorni di una rivalità sfociata in una sincera amicizia. 

"Ho corso contro Fausto nel campionato italiano 125cc alla fine del 1992 - ha raccontato Cecchinello -  e nel 1994 ci siamo incontrati nel campionato del mondo. Quando avevo 16 anni avevo poster di Fausto, di Carlos Lavado, di Luca Cadalora e Pierfrancesco Chili nella mia stanza. Ero un fan di Fausto. Ho guardato tutte le gare e ho ammirato tutte le sfide che ha fatto contro Cadalora quando hanno corso insieme a Garelli nel 1986. Più tardi, quando ho corso contro Fausto, ho notato che era un grande staccatore e soprattutto mostrava le sue abilità nelle curve veloci. Ma quando ci siamo incontrati in pista, Fausto era alla fine della sua carriera. Non aveva più moto particolarmente competitive, correva per Scot Honda".

Da rivali tra i cordoli a rivali come manager. Eppure la stima è rimasta immutata. 

"Onestamente, sono anche diventato un fan di Fausto più tardi, quando ha costruito il suo team GP dopo la sua carriera di pilota. Questo perché è diventato abbastanza rapidamente un riferimento per molte altre squadre come proprietario di un team. Fausto ha schierato per la prima volta la sua squadra nel 1997, con la V2 Honda nel campionato del mondo 500cc con Alex Barros. Avevo già una mia squadra nel 1996, ma inizialmente solo nella classe 125cc. La Gresini Racing divenne presto un modello e un modello per tutte le altre squadre private del campionato del mondo. Il modo in cui lavorava e il modo in cui trattava gli sponsor ha ridotto le differenze tra le squadre Factory e le squadre private in quel momento. Ha anche trovato nuovi investitori in tutto il mondo e li ha portati nel motomondiale. Fausto ci ha aiutato a sviluppare il nostro business attraverso questo, dato che tutti noi abbiamo praticamente copiato il suo approccio. Il suo modello di business è stato istruttivo per tutti noi".

C'è stato anche un periodo di tensione tra Gresini Racing ed LCR, quando entrambi lottavano per diventare la squadra di riferimento per Honda tra le private. 

"Assolutamente. Fausto era un forte avversario in pista come pilota, ma era anche un potente concorrente come proprietario di una squadra. Qualunque cosa potesse fare per non lasciare alcun vantaggio ai concorrenti tra le squadre, l'avrebbe fatta. Ma in modo onesto, professionale e cortese. Fausto era rispettoso nei suoi rapporti con tutti. Ricordo di aver creato il mio team di MotoGP per il 2006 con la Honda. Ero un po' a corto di tempo all'epoca, ho dovuto mettere insieme la squadra in un tempo relativamente breve. Naturalmente ho cercato di contattare Fausto per avere qualche informazione utile. Volevo sapere come ordinare i pezzi di ricambio, quanto personale serviva e così via. Fausto è stato molto cordiale, ma ho capito subito cosa stava succedendo: Ha fatto di tutto per non rispondere alle mie domande! Era chiaro che non voleva dare informazioni preziose e segreti. Dopo tutto, sapeva che sarei stato un rivale come nuovo proprietario del team di MotoGP".

Con Honda di mezzo, la rivalità è esplosa ma senza mai minare l'amicizia. 

"Sì, ci sono stati alcuni anni in cui abbiamo combattuto ferocemente come squadre satellite Honda. Ma ho sempre avuto argomenti per parlare con Fausto. Sì, assolutamente. Abbiamo sempre parlato tra di noi. Non c'è mai stato un problema di comunicazione tra noi. Il nostro rapporto personale è sempre stato su base professionale. Ma si sentiva che teneva sempre per sé certe informazioni per proteggere la sua squadra. Andava bene così".

Tra poco potrebbe arrivare da manager in MotoGP Valentino Rossi con la sua squadra. Cecchinello potrebbe dunque trovarsi nei panni che furono di Gresini. 

"Corretto, sì. Mi comporterei quindi in modo simile a Fausto....".

Articoli che potrebbero interessarti