Tu sei qui

SBK, Mondiale Superbike: l’ombra del COVID tra calendario e test

Dorna incrocia le dita per la partenza all’Estoril dopo il rinvio di Assen, mentre qualche squadra già rivede i propri piani invernali

SBK: Mondiale Superbike: l’ombra del COVID tra calendario e test

Share


Ad inizio settimana la Dorna ha diramato il nuovo calendario per quanto riguarda la stagione 2021 del Mondiale Superbike. La novità più importante, nonché l’unica, è lo spostamento del round di Assen dal weekend del 24-25 aprile a quello del 24-25 luglio.

La motivazione è molto semplice: la Regione del Drenthe non consente fino a inizio giugno eventi con il pubblico, di conseguenza le autorità locali non hanno accettato una gara della Superbike a porte chiuse.

Proprio per questo motivo si è deciso di rinviare il round del TT a fine luglio, consegnando a Estoril il via del Mondiale 2021. La stagione scatterà quindi in Portogallo, in occasione del weekend dell’8-9 maggio. Questo secondo i piani di Dorna, chiamata a fare i conti con un ostacolo come il COVID, che da un anno a questa parte non sembra voler arrendersi.

Il calendario diramato in settimana è provvisorio, anche perché con il Virus e relative varianti in circolazione, è praticamente impossibile fare programmi a lungo termine. Si naviga infatti a vista, nella speranza che con l’arrivo della stagione primaverile, il Virus inizi a perdere di forza e di conseguenza ci sia un allentamento delle misure. Proprio per questo motivo, l’Organizzatore del Campionato tiene in piedi varie alternative, tanto che non è da scartare un eventuale terzo calendario con partenza rinviata più in là e prevista eventualmente in Spagna, tipo Aragon.

Calendario a parte, c’è poi il tema test a tenere banco. Il prossimo appuntamento è infatti previsto per il 4-5 marzo, dal momento che la Kawasaki ha prenotato la pista di Portimao per una due giorni di test. Tra le squadre che hanno aderito c’è anche la BMW con Michael van der Mark e Tom Sykes. A quanto pare, negli ultimi giorni, il team di Shaun Muir sta però valutando di rinunciare alla prima uscita ufficiale di questo 2021. La motivazione è infatti legata alle limitazioni riguardanti gli spostamenti da un Paese all’altro, che andrebbero a complicare di fatto la presenza della squadra al test in terra portoghese.

Insomma, il COVID sta continuando a dettare legge e le squadre sono chiamate a fare i conti con continui cambi di programma e stravolgimenti.  

Articoli che potrebbero interessarti