Tu sei qui

Cambio bombole Gpl e ganci traino: la Motorizzazione dice stop alla burocrazia

Ok per l'utilizzo dei dispositivi appena installati, basterà aggiornare la carta di circolazione. Finalmente vengono eliminati molti passaggi

Auto - News: Cambio bombole Gpl e ganci traino: la Motorizzazione dice stop alla burocrazia

Share


La burocrazia italiana è nota in tutto il mondo, e se poi si parla di Motorizzazione, il quadro è completo. Arriva però una buona notizia, poiché tutti coloro che sostituiranno le bombole GPL, saranno liberi di circolare, senza più la visita e la prova presso la Motorizzazione. Sarà infatti sufficiente la dichiarazione dell’officina che avrà eseguito l'operazione. Niente più attesa dell'ok dunque, ma soprattutto settimane di utilizzo "a benzina". Attenzione però, poiché in ogni caso avrete 30 giorni per aggiornare la carta di circolazione, quindi un passaggio presso la Motorizzazione o un’agenzia di pratiche auto, dovrà comunque avvenire.

Serve ancora qualche settimana

Fate però attenzione perché, per quanto la cosa sia ufficializzata tramite l’ultimo decreto Semplificazioni, con l'ok firmato l'8 gennaio dal Dm Trasporti ed il 13 febbraio in Gazzetta Ufficiale, per la reale operatività della cosa servirà ancora qualche settimana. Ricordiamo che, la validità della cosa, c'è solo se l'officina è accreditata dall’ufficio provinciale della Motorizzazione. Coloro che hanno chiesto la visita in Motorizzazione prima del 13 febbraio, dovranno in ogni caso seguire la vecchia procedura? Anche se come detto ancora non ci siamo, l’articolo 5 del Dm così stabilisce: le domande pendenti con tanto di prenotazione, potranno essere trasformate in richieste di aggiornamento della carta di circolazione. Dall'altro lato, invece, la circolare n. 5350 emanata lo stesso 13 febbraio dalla Motorizzazione mette il paletto: le richieste devono essere corredate dalla dichiarazione di corretta installazione da parte di un’officina accreditata. Questo va dunque a precludere il regime transitorio. Cosa accadrà più avanti e come cambieranno le cose, ancora non è chiaro.

Ganci auto

Nel DM dell'8 gennaio, c'è però altro, poiché si parla di un iter semplificato per certi aggiornamenti della carta di circolazione (obbligatori con l’articolo 78 del Codice della Strada). La cosa dovrebbe escludere le operazioni identiche che interessano i veicoli non immatricolati, poiché in questo caso si applicherebbe l’articolo 75. Nel Dm, si parla non solo della sostituzione dei serbatoi GPL, ma anche del montaggio dei ganci di traino sugli autoveicoli fino a 3,5 tonnellate. A questo si aggiungono l'installazione di alcuni adattamenti che interessano i poratori di Legge 104, e nello specifico: pomello al volante, centralina comandi servizi ed inversione pedali. Oltre a questi, si citano lo spostamento delle leve dei comandi servizi come luci e tergicristalli, ma anche specchi retrovisori grandangolari interni e aggiuntivi. Altro punto interessa i doppi comandi per i mezzi riservati alle scuole guida. Nel decreto, non si parla di disinstallazione, quindi servirà una rettifica.

Dubbi e perplessità

Oltre al discorso della disinstallazione, c'è altro che non è ben spiegato nel Dm. Sarà necessario allegare alla documentazione anche il nulla osta del costruttore del mezzo? Non è dato sapere, ma è invece sicuro che oltre alla domanda bisognerà allegare: ricevute dei versamenti sui conti correnti della Motorizzazione, copia della carta di circolazione, dichiarazione dell’officina accreditata che ha eseguito i lavori. La Motorizzazione, prevederà dei controlli sulle officine autorizzate.

Articoli che potrebbero interessarti