Tu sei qui

Merlini: "Gresini lotta, noi lavoriamo per il futuro in MotoGP"

Parla il braccio destro di Fausto: "Anche senza di lui stiamo continuando le discussioni con le varie Case, Aprilia è una di quelle"

MotoGP: Merlini: "Gresini lotta, noi lavoriamo per il futuro in MotoGP"

Share


Nel bel contorno della presentazione del team Gresini che è andata in scena questa mattina in forma virtuale, c’è stata sicuramente una grande assenza: quella di Fausto Gresini. Da un mese e mezzo a questa parte tutto il mondo delle due ruote è in apprensione per le condizioni del fondatore del team e due volte campione del mondo che è ricoverato dal 27 dicembre per complicazioni del Covid. 

“Fausto ha avuto un test negativo al Covid un paio di settimane faha detto il suo braccio destro Carlo Merlini ai margini della conferenza - e ora i medici stanno lavorando per sistemare i danni fatti dal virus in questo mese e mezzo. Tutto lo staff medico si impegna al massimo e noi ogni giorno aspettiamo buone notizie in merito”. 

Le condizioni di Fausto Gresini, però, non hanno fermato il lavoro del team che sta organizzando una stagione importante e che partirà a fine marzo dal Qatar.

“Staremo in Qatar per un po’ di tempo ma è necessario perché il campionato riparta. Dorna, proprio come nel 2020, sta facendo un gran lavoro e le 14 gare fatte la scorsa stagione sono state una dimostrazione di forza della MotoGP”. 

Per una stagione 2021 in procinto di partire, però, ci sono anche tutte le discussioni sul futuro, con il team Gresini Racing che già a metà dicembre aveva firmato con Dorna un contratto di permanenza in MotoGP fino al 2026. Al momento si sa che il marchio Gresini ci sarà ma sono in corso le valutazioni del caso per capire a quale Casa si affiancherà. 

“Fausto stava parlando con varie Case e noi stiamo continuando a farlo. Il lavoro ora è quello di considerare tutte le opzioni portando avanti i dialoghi e poi decidere quando avremo tutto su un tavolo. La nostra stagione andrà avanti con Aprilia, abbiamo preso un impegno con loro fino alla fine dell’anno ed intendiamo rispettarlo nel migliore dei modi. Ovviamente la Casa di Noale è una di quelle con cui stiamo discutendo anche per i prossimi anni”.  

Sulle moto del team Gresini da tempo si vedono marchi indonesiani. Quanto è forte la collaborazione con quel mercato e cosa porterà in futuro al motomondiale?

“Questo lavoro è iniziato nel 2012 con Federal Oil e da quel momento si è sempre aggiunto qualcosa. Quest’anno è entrato anche “Indonesian Racing”, un marchio di MP1 che vuole essere promotore del motociclismo in Indonesia. Abbiamo creato con loro un Academy con l’obiettivo di formare nuovi talenti indonesiani che poi saremo felici di valutare ed eventualmente di portare a bordo delle nostre moto. Il progetto è gestito da Gresini Racing e Dorna non è direttamente coinvolta anche se hanno forti interessi nello sviluppo del marchio MotoGP in quel Paese”. 

Articoli che potrebbero interessarti