SBK, National Trophy: limite di età per i più veloci, due gare a Valencia

Stop ai nati dopo il 1994 per la 1000 e dopo il 1998 per la 600, ma non se al Mugello si gira sopra certi tempi. Novità legate alla SuperOpen e CIV Project

Share


Nelle ultime settimane si sono rincorse numerose voci a riguardo, alla fine è giunta l’ufficialità: la cosiddetta “regola under 28” verrà introdotta nel contesto del National Trophy a partire dal 2021. Una svolta all’insegna dell’innovazione attraverso la messa in vigore di un limite di età e velocità che riguarderà le categorie 1000 e 600.

Stop ai nati dopo il 1994 e 1998, Mugello ago della bilancia

Come già annunciato apertamente da Simone Folgori (responsabile FMI) nel corso della nostra intervista di dicembre scorso (la potete trovare QUI), dalla prossima stagione il trofeo National Trophy metterà a frutto la direttiva vagliata dalla Federazione Motociclista Italiana assieme al Motoclub Spoleto. Entrando nello specifico, nella classe 1000 non potranno partecipare coloro che sono nati dopo il 1994, a meno che non si abbia registrato un best lap personale al Mugello superiore al 1’53”00 nel biennio 2019-2020. Analogamente, nella 600 la demarcazione è relativa al 1998 con l’aggiunta del 1’56”00 sul giro (sempre al Mugello). Giusta o sbagliata che sia, l’intento è di creare una differenza netta tra CIV e NT affinché i giovani talenti possano partecipare all’italiano.

CIV Project

Nato nel 2007 e basato sul regolamento “Open”, in occasione del 100esimo anniversario del Motoclub Spoleto, nel National Trophy sarà presente una speciale classifica denominata “CIV Project” riservata ai piloti senza presenze nell’italiano o in campionati internazionali: i migliori delle due classi riceveranno come premio l’iscrizione completa al Campionato Italiano Velocità 2022.

La nuova SuperOpen

I cambiamenti principali saranno presenti, non solo a livello regolamentare, ma anche da un punto di vista tecnico. Sulla stessa falsariga del British SuperSport, tra le 600 (oltre alla Moto2) verrà inglobata l’inedita SuperOpen. Seppur con una classifica separata, quest’ultima garantirà l’accesso alle moto di differente cilindrata quali Triumph 765 e Ducati Panigale 959 V2. Un ottimo banco di prova generale in vista di quanto accadrà nel Mondiale dal 2022. In attesa della pubblicazione del regolamento, per la prima gara stagionale (in programma al Mugello in data 18 aprile) è stato deciso di procedere con il motore in versione stock, ciclistica e centralina libere.

Approdo in Spagna

Se il National Trophy correrà in concomitanza con il CIV nei sei appuntamenti previsti dal calendario, nel mese di settembre (11-12) la carovana si trasferirà in Spagna per una prestigiosa trasferta sul tracciato di Valencia. Una doppia gara che si preannuncia entusiasmante e che, al contempo, darà vita alla particolare classifica dell’International Trophy.

Articoli che potrebbero interessarti