MotoGP, Pernat: "Aprilia ha perso il collaudatore, Smith le ha detto di no"

VIDEO - "A questo punto chiederei a Biaggi ma il tester ideale sarebbe De Angelis. Marquez non ha detto tutto alla Honda: la placca non si è piegata aprendo una finestra ma allenandosi in bicicletta"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Come ogni sabato sera, Carlo Pernat, insieme a Paolo Scalera e Matteo Aglio, ha incontrato i lettori di GPOne in una diretta sui nostri canali social per parlare delle ultime notizie della settimana (trovate il video integrale qui sopra).

Come sempre, il manager genovese non ha avuto peli sulla lingua e ha anche dato qualche importante indiscrezione. La prima è sull’Aprilia, unica Casa in MotoGP a godere ancora delle concessione, ma che sembra avere perso il suo tester.

Voci di corridoio, ma attendibili, dicono che Bradley Smith ha rifiutato il contratto da collaudatore - ha svelato Pernat - La mia impressione, a oggi, è che Lorenzo Savadori sarà il secondo pilota e dovranno cercare un altro tester. Chi? Se dovessi dare un consiglio direi Alex De Angelis, sarebbe la persona giusta. A questo punto, prenderei anche Max Biaggi”.

Tanti sperano ancora di vedere Andrea Dovizioso sulla RS-GP, ma per Carlo le possibilità sono praticamente nulle.

“Il manager butta sempre gli ami per vedere se abbocca qualche pesce - la sua opinione - È quello che sta facendo Battistella, l’unica strada rimasta per Dovizioso è quella della Honda e mi sembra difficilmente percorribile. Vedere Andrea in Aprilia sarebbe affascinante, ma non ci sono le risorse per prenderlo.

Pernat poi ha parlato di un’altra indiscrezione, che riguarda Marc Marquez. Sembrerebbe che non sia stata l’apertura di una portafinestra la goccia che fece traboccare il vaso - e piegare la placca - dopo la prima operazione, ma che il fattaccio sia accaduto durante un’uscita in bicicletta.

“Honda sta investigando sulla credibilità di Marquez, non sulla decisione dei dottori. Mi spiego: stanno investigando sulla veridicità di quell’episodio della finestra, perché il problema non sarebbe arrivato da lì. Io credo che Marc sia salito su una bicicletta e Honda non lo sapeva” ha spiegato Pernat.

L’ultima battuta è per la Rossa e le sue possibilità di vittoria.

“Per Ducati è l’anno zero, hanno scelto i giovani e gli si deve dare tempo per tornare a vincere. Se lo mettono un anno applausi, se due applausi lo stesso”.

 

Articoli che potrebbero interessarti