'Fisica in moto': Ducati riapre la scuola per i progettisti di domani

Dal 1 febbraio riapre il laboratorio interattivo ‘Fisica in Moto’, posto all'interno della storica fabbrica di Borgo Panigale, dove, grazie a dei percorsi opportunamente congegnati, si scopre in maniera alternativa la fisica che governa le moto

Share


Dal 1 febbraio riapre il laboratorio interattivo ‘Fisica in Moto’, posto all'interno della storica fabbrica di Borgo Panigale, dove grazie a dei percorsi interattivi si scopre in maniera alternativa la fisica che governa le moto. Gli intenti della fondazione non sono rivolti solo agli studenti ma anche per i docenti con corsi di formazione e aggiornamento. Il laboratorio didattico Fisica in Moto apre le sue porte virtualmente, proponendo alle scuole superiori un progetto interattivo dal vivo a distanza su una piattaforma di videoconferenze. Da oltre un decennio il laboratorio didattico interattivo di Fondazione Ducati all’interno dello storico stabilimento Ducati di Borgo Panigale, realizzato e curato in collaborazione con il Liceo Malpighi di Bologna e la Libera Università di Bolzano, ospita docenti e studenti che possono apprendere la Fisica nel contesto affascinante e coinvolgente delle moto e dei motori.

Nella sua rinnovata forma a distanza, ma rigorosamente dal vivo, il Laboratorio Fisica in Moto presenta esperimenti che richiedono agli studenti di interagire e ragionare. Tramite il dialogo costruttivo con gli esperti tutor didattici di Fisica in Moto , i ragazzi ricostruiranno lungo il percorso il significato delle grandezze rilevanti della meccanica quali quantità di moto e forza, riconoscono le Leggi di Newton e le leggi di conservazione. Tramite l’utilizzo dei materiali messi a disposizione del docente, tra un incontro e l’altro o al termine del singolo esperimento, avranno la possibilità di approfondire.L’offerta didattica dei laboratori è in evoluzione e ad oggi offre tre tour interattivi, in cui gli esperimenti sono abbinati in modo da costituire micro-percorsi coerenti e completi.
Nel dettaglio le lezioni proposte sono:

Lezione 1: Le grandezze fondamentali del moto traslatorio

Lezione 2: Approfondimento su quantità di moto e leggi di Newton

Lezione 3: Focus sul motore, sulla distribuzione e sulla trasmissione

I tour si svolgono alla mattina nelle giornate di lunedì, mercoledì e venerdì a partire dal lunedì 1 febbraio. Ciascuna lezione interattiva, della durata di circa 45 minuti all’interno di tre distinte sale nella quali gli studenti vengono stimolati e convolti in veri confronti ‘fisici’. Viene stabilita una competizione tra diverse squadre per decretare alla fine del percorso il team campione del MotoGP della Fisica.

SALA1: officina Ducati

La prima sala riproduce l'ambiente caratteristico di un'officina Ducati Service. Al suo interno sono presenti quattro postazioni interattive che permettono di introdurre gradualmente in modo semplice e intuitivo concetti fondamentali della Fisica, quali forza, momento torcente, attrito, quantità di moto e momento angolare. Di seguito le 4 postazioni:

Postazione 1 - È il momento! - In questa postazione è possibile utilizzare martelli di diverso materiale e massa per colpire una cella di carico per verificare quali fattori determineranno l'intensità della forza e il suo andamento temporale durante l'urto. Inoltre viene eseguito un esperimento dedicato al momento di una forza. Due persone, da parti opposte rispetto al centro, provano a far ruotare verso di sé un manubrio: chi riuscirà a farlo girare dalla propria parte? Quali fattori dobbiamo tenere in conto per indovinare il vincitore?

Postazione 2 - Linea di Montaggio Motore - La seconda postazione è incentrata sulla famosa frizione a secco Ducati che viene spiegata montando e rimontando una vera frizione per scoprire tutti i segreti.

Postazione 3 - Pit Stop - Cosa permette alla ruota di ruotare attorno al suo perno con il minor attrito possibile? Un pit-stop ci porta alla scoperta dell’attrito, delle sue tipologie e dei suoi effetti.

Postazione 4 – Desmopower - In ogni Ducati batte un cuore Desmodromico, ma cos’è esattamente il sistema di distribuzione desmo? Quali sono le differenze con il sistema di distribuzione tradizionale? Sulle postazioni dedicate si possono scoprire i segreti delle valvole dei motori Ducati.

SALA2: Laboratorio Scientifico        

La seconda sala è un innovativo laboratorio scientifico dove imparare a conoscere i principi fisici delle Leggi di Newton. Quattro macchinari appositamente progettati da ingegneri Ducati consentono una riflessione più approfondita su queste fondamentali leggi della Meccanica Classica. Differenza tra massa e peso, esperimenti sul secondo e terzo principio di Newton e conservazione della quantità di moto e del momento angolare sono protagonisti indiscussi di questa sala suddivisa in quattro postazioni come la precedente.

Postazione 1 - Piano “senza” attrito - Un piano a basso attrito e carrelli con cuscinetti a sfera, sui quali vengono alloggiati cubi di diversa massa, permettono di parlare del ruolo della massa-inerzia nello studio del moto e della sua differenza rispetto al peso. Come sono collegate massa e variazione di velocità?

Postazione 2 - Sedie del Terzo Principio - Un piano a basso attrito e due sedie sportive montate su cuscinetti ad aria inserite all'interno di un ring. Alla scoperta della Terza Legge di Newton e della conservazione della quantità di moto.

Postazione 3 - Macchina di Fletcher - Due modelli di motocicletta corrono lungo piste parallele: quale delle due vincerà la corsa? Quali parametri possiamo modificare per avvantaggiare l'uno o l'altro team?

Postazione 4 - Giostra del momento angolare - Una moto, appoggiata su una trave che ruota attorno al suo centro: cosa succede alla velocità della giostra quando la moto si avvicina o si allontana dal centro? Perché? In questa postazione scopriamo la conservazione del momento angolare.

 

SALA3: Sala Ducati Corse

Come lascia intuire il nome qui si compete, nelle specifico per il titolo di MotoGP della Fisica. Esperimenti empirici, volti a stimolare la riflessione ed il ragionamento, forniscono le basi per apprendere i concetti fondamentali della fisica garantendo alle squadre gli strumenti per confrontarsi e per arrivare primi sotto la bandiera a scacchi. Le modalità del ‘gioco’ sono le medesime delle precedenti Sali, ossia suddividendo il percorso il quattro tappe.

Postazione 1 - Moto Giroscopica - Una moto, collegata al terreno tramite uno speciale supporto che permette di inclinarsi lateralmente, consente di simulare il comportamento in piega e spiegare i fenomeni che permettono il gesto tecnico tanto caro ai motociclisti.

Postazione 2 - Motore - Non poteva mancare lo spaccato animato del famoso bicilindrico Ducati! Alla scoperta del motore 4T, con particolare attenzione ai dettagli che rendono le moto Ducati uniche nel mondo.

Postazione 3 - Moto Cinematica - Come avviene la trasmissione del moto dal motore alla ruota posteriore? Su questa postazione si risponde a questa domanda in maniera semplice e divertente! L’utilizzo e l’utilità del cambio in relazione alle variazioni di regime del motore. Quale team riuscirà a portare la propria moto alla velocità massima e come?

Postazione 4 - X-Moto: Moto Mutante - Una motocicletta mutante, metà moto e metà bici, conclude la sezione del GP della Fisica, introducendo in maniera intuitiva ed esperienziale ai concetti di coppia e potenza. Sul display viene mostrato il grafico della curva di coppia e di potenza del ciclista. Quale sarà il team campione del MotoGP della Fisica?

Ai docenti di Fisica interessati all’argomento, che vogliono ‘regalare’ una giornata di apprendimento diverso e più coinvolgente alle loro classi lasciamo qui il link per maggiori informazioni sul laboratorio e sul modulo di adesione all’iniziativa. Inoltre parte dell'offerta formativa è dedicata anche ai docenti stessi attraverso corsi di fomazione ed aggiornamento.

Fonte: Ducati.com/it

Articoli che potrebbero interessarti