MotoGP, Mir: "Brivio un punto di riferimento, situazione difficile per Suzuki"

Joan si è però dimostrato fiducioso nella squadra: "riusciremo a fare un buon lavoro, abbiamo le persone in grado di farlo"

Share


Dopo il trionfo della scorsa stagione, quest’anno Joan Mir dovrà difendere il titolo MotoGP. Ripetersi non è mai un’impresa semplice e a complicare le cose c’è stato l’addio di Davide Brivio. Il manager era fondamentale per il team e l’obiettivo è riuscire a non risentire troppo della sua assenza.

Brivo era un punto di riferimento per la squadra - ha ammesso il pilota spagnolo intervistato su Sky Sport24 - È una situazione molto difficile per il team, ma io sono molto tranquillo e ho fiducia. Sono sicuro che riusciremo a fare un buon lavoro, abbiamo le persone in grado di farlo”.

Suzuki ha deciso di non affidarsi a un manager esterno per la gestione della squadra, questo significa che sarà il Project Leader Shinichi Sahara ad avere il controllo di tutti gli aspetti, affidandosi alle persone che già erano nel team.

L’obiettivo sarà mantenere quell’equilibrio che Brivio era riuscito a creare, senza rivoluzioni.

Articoli che potrebbero interessarti