SBK, Mondiale Superbike: Assen a rischio? Dorna studia il Piano B

La Regione del Drenthe vieta gli eventi aperti al pubblico fino a giugno e poi c'è il capitolo test con il rischio concreto che fino ad aprile non si veda un confronto in pista tra tutte le squadre

Share


Il calendario c’è, ma per il momento viene definito come provvisorio, in attesa che diventi definitivo. Purtroppo, con il COVID di mezzo, è complicato avere certezze in merito all’evolversi della Pandemia, la quale condiziona non poco i programmi delle varie competizioni sportive.

Sta di fatto che tra dubbi e interrogativi, già c’è una certezza. Secondo quanto riportato dai colleghi di racesport.nl, la Regione del Drenthe, che ospita il circuito di Assen, ha vietato fino all’1 giugno tutti gli eventi al pubblico. Una mezza mazzata per la Superbike, che nel weekend del 23-25 aprile inaugura in Olanda il 2021. Se così fosse, con il regolamento attualmente in vigore, la tappa del TT verrà disputata a porte chiuse, senza la presenza del pubblico sulle tribune.

Una notizia che ha preso in contropiede Dorna, la quale sta monitorando attentamente la situazione, ma soprattutto l’Organizzazione locale, impegnata ad accogliere il Mondiale. Le strade percorribili non sono molte: o arriva una deroga oppure l’appuntamento del Dutch sarà a porte chiuse, o ancora arrivederci al 2022. Ricordiamo infatti che lo scorso anno Assen rinunciò alla gara, dal momento che non era contemplata la presenza del  pubblico e di conseguenza nessuna entrata dal lato economico.

Secondo quanto raccolto in giornata, l’obiettivo di Dorna è però quello di provare in tutti i modi a salvare la gara di Assen, confermando di conseguenza quello che è al momento il via del Mondiale, previsto appunto sul tracciato olandese. Qualora non fosse possibile partire dal TT, si valuta eventualmente la possibilità di far scattare il Mondiale in Spagna, come già accaduto lo scorso anno alla ripartenza, quando le derivate tornarono in azione ad inizio agosto a Jerez dopo il lungo stop. Infine si valuta anche la partenza da Estoril, al momento seconda tappa nel calendario in programma dal 7 al 9 maggio. Questo è al momento il quadro generale della situazione che Dorna sta considerando.

Oltre al Mondiale, c’è poi la questione test. In questi giorni Ducati è impegnata a trovare una data per recuperare il test non disputato la scorsa settimana a Jerez. Con ogni probabilità sarà a Misano entro la metà di febbraio. Dispiace non poco che la due giorni di test non si sia svolta, dal momento che dovremo aspettare fino al test collettivo di Barcellona, in programma il 31  marzo – 1 aprile, per vedere un confronto tra Ducati e  Kawasaki, così come tutte le altre squadre.

Già, perché durante l’inverno Kawasaki girerà il 4-5 marzo  a Portimao, mentre il 24-25 dello stesso mese a Estoril. Ducati, invece, ha pianificato per il momento 15-16 marzo a Misano, mentre 12-13 aprile ad Aragon.    

Articoli che potrebbero interessarti