SBK, Kawasaki tornerà a Jerez il 28 febbraio per una giornata di test

Nessun giro per Rea e Lowes a causa della pioggia. Il programma prevedeva di collaudare nuove parti del motore. I tecnici fiduciosi: "saremmo comunque pronti a correre già domani"

Share


Come Ducati e Honda, anche Kawasaki ha preferito non scendere in pista a Jerez nei due giorni di test programmati sulla pista spagnola. Il maltempo ha rovinato tutti i piani e le squadre non hanno voluto sprecare giorni di prove su un circuito che non avrebbe consentito loro di raccogliere dati utili per lo sviluppo delle moto.

Kawasaki aveva già iniziato a lavorare sulla nuova ZX-10RR lo scorso novembre e tornerà in pista fra una settimana esatta, il 28 febbraio, ancora una volta a Jerez.

È un grande peccato non avere potuto provare ma la pista oggi non era perfetta e quindi abbiamo preso una decisione presto - ha spiegato Jonathan Rea - I ragazzi possono fare i bagagli e andare a casa un po' prima. Con i nuovi regolamenti i giorni di test sono limitati, dobbiamo essere intelligenti e utilizzareli quando sono più importanti. In questo momento abbiamo bisogno di confermare alcuni elementi importanti, che avevamo già provato a Jerez alla fine della scorsa stagione, in condizioni di asciutto.

Alex Lowes ha scherzato: "questo è il tipico tempo inglese, quindi devo averlo portato con me! È un peccato, ma la prima cosa da dire è che c'è stato così tanto lavoro da parte dei ragazzi, soprattutto con le restrizioni del coronavirsus, per mettere tutto a posto per farci venire qui a provare. Quindi grazie a loro. È un peccato che il tempo non abbia collaborato questa volta, ma è stato bello vederli tutti e vedere la mia moto di nuovo".

Pere Riba, capotecnico di Rea, ha commentato: “eravamo qui per un test di due giorni, ma la pista è ancora bagnata e sta piovendo. Con le nuove regole, con un numero limitato di giorni di test durante l'anno, abbiamo deciso di annullarli. È un peccato perché avevamo alcune parti del motore da provare, ma questa è la vita, qualcosa che non possiamo controllare".

Marcel Duinker, capotecnico di Alex Lowes, ha aggiunto: “dopo i test di novembre, dove abbiamo fatto il 95% del lavoro che normalmente facciamo in un test invernale, eravamo molto fiduciosi di riprendere qui il programma per 2021. Purtroppo abbiamo trovato condizioni di bagnato, ma dall'altra parte siamo fiduciosi del lavoro che abbiamo fatto finora. Ci siamo già detti che se dovessimo correre domani, saremmo pronti. La prossima settimana avremo l'opportunità di provare per un giorno con il sole Jerez, quindi torneremo e continueremo il nostro programma”.

Share

Articoli che potrebbero interessarti