SBK, Brandon Paasch completa la line up Dynavolt-Triumph nel British SS600

Il giovane pilota americano tornerà nel campionato d'oltremanica tra i ranghi del Team PTR. Guidando l'inedita 765, avrà l'opportunità di mettersi in mostra con lo sguardo rivolto al Mondiale 2022

Share


Una coppia omogenea, formata da esperienza e genuinità, per tornare alla ribalta e fare da precursori in vista di quanto accadrà nel 2022. Serviva un pilota giovane da affiancare a Kyle Smith nel progetto legato all'inedita 765, adesso è stato finalmente svelato il nome. Sarà Brandon Paasch il secondo portacolori del Team Dynavolt-Triumph nella stagione 2021 del British SuperSport 600. Dalle giuste caratteristiche per amalgamare al meglio la line up di Simon Buckmaster, il baby 19enne correrà nuovamente nel campionato d'oltremanica con l'intenzione di sognare in grande.

Nuova avventura inglese

Dai trascorsi nella MotoAmerica KTM RC Cup (vinta nel 2016), KTM RC World Cup, CEV Moto3, Moto3 e British SuperStock 600, l'originario di Freehold si appresterà a disputare la seconda esperienza a tempo pieno nella terra d'Albione. Oltre ad essere risultato il primo americano in grado di qualificarsi alle gare del Mondiale Junior nella wild card di Aragon 2017, Paasch ha avuto il merito e l'onore di portare in alto la bandiera a stelle e strisce nel British MotoStar (Moto3) per la prima volta nella storia in virtù delle sette vittorie e dei 14 podi messi a referto.

Segnata una pagina di storia del motociclismo moderno e con il titolo 2019 in tasca, nel pazzo 2020, contraddistinto dalla pandemia da COVID-19, ha fatto ritorno nella MotoAmerica SuperSport 600. Prima in sella alla Yamaha YZF-R6 per poi passare in corso d'opera alla Kawasaki 636cc, il 19enne si è confermato il migliore alle spalle degli inavvicinabili Richie Escalante e Sean Dylan Kelly. In attesa del nuovo regolamento tecnico, sotto le insegne Dynavolt-Triumph, la prossima stagione avrà l'opportunità di mettersi ulteriormente in mostra alla guida della 765 nel British SS600.

Chance importante

Brandon Paasch andrà così ad affiancare il veterano Kyle Smith, a cui spetterà il massiccio sviluppo della moto. Un abbinamento decisamente armonioso e in linea con le aspettative iniziali di Simon Buckmaster. Quest'ultimo a capo del glorioso Team PTR, lasciato il Mondiale di categoria dopo una lunga militanza e sfumato l'accordo con Randy Krummenacher, ha voluto puntare in ogni modo su un alfiere che avesse piena conoscenza dei "ritmi inglesi". Con tutti i presupposti per giocarsi fin da subito le proprie carte in ottica titolo, al contempo Paasch si è già garantito un lasciapassare per il World SS600 2022 (a meno di clamorose sorprese..). Come se non bastasse, potrà coronare il sogno di emulare le gesta del suo idolo Gary Nixon a bordo della Triumph. 

Share

Articoli che potrebbero interessarti