MotoGP, Vinales, Zarco, Bradl e Pirro: ' intrusi', nei test Superbike di Jerez

Il pilota spagnolo e quello francese saranno di scena con le moto stradali sul tracciato andaluso, mentre Bradl sarà in pista con la Honda MotoGP. A Jerez anche Michele Pirro, pure lui con una V4S

Share


Solitamente, giunti a questo periodo dell’anno, si inizia a fare il conto alla rovescia in vita dei test di Sepang. La settimana malese, che vede in azione piloti e collaudatori, rappresenta infatti l’antipasto della stagione che sta per iniziare e di conseguenza svela il lavoro svolto durante l’inverno dalle squadre.

Ci si aspetta qualche carena nuova oppure un nuovo telaio, così come i primi riscontri cronometrici da parte dei piloti. Questa volta però i test non ci saranno. Già, perché il COVID-19 ha colpito nuovamente, tanto da stravolgere i piani della Dorna, che ha optato per rimandare l’appuntamento di febbraio a marzo sulla pista di Losail.

Un duro colpo da incassare per i piloti, costretti a dover rimanere fermi ai box in attesa del semaforo verde. Eppure, molti di loro non vogliono certo rimanere a braccia conserte. È il caso di Maverick Vinales e Johann Zarco, che hanno deciso di dirigersi a Jerez per prendere parte ai test della Superbike in programma mercoledì e giovedì.

Il pilota spagnolo della Yamaha scenderà in pista con la R1, mentre il francese del team Pramac con la Panigale V4S. D’altronde, visto il regolamento che limita le giornate dei test MotoGP, non c’erano altre vie percorribili. Sarà però interessante vederli a confronto con le derivate in questa uscita a dir poco inedita. Assieme a loro ci sarà anche Michele Pirro, in pista per l’occasione con la stessa moto di Zarco: “Con Zarco e Vinales facciamo la gara delle stradali” – ci ha detto scherzando nei giorni scorsi il pilota di San Giovanni Rotondo.

A proposito di MotoGP, c’è però un aspetto da sottolineare. Già, perché a Jerez vedremo in azione il test team Honda con Stefan Bradl che porterà avanti il lavoro per conto della HRC. Il collaudatore tedesco, che nella scorsa stagione ha avuto il compito di sostituire l’infortunato Marquez, sarà in azione con la RC213V e chissà mai non possa sfoggiare qualche novità, giocando d’anticipo rispetto alle rivali Yamaha, Ducati e Suzuki.

Lo scopriremo mercoledì mattina, quando alle ore 10 si accenderà il semaforo verde, sperando ovviamente in un aiuto da parte del meteo. Ad oggi è infatti prevista pioggia per la due giorni.  

Articoli che potrebbero interessarti