SBK, Kyle Smith nuovo pilota PTR-Triumph nel British SuperSport 600

L'inglese sarà il primo baluardo del progetto PTR-Triumph con la 765 nel contesto del British SS600. Oltre a puntare al titolo, per Smith l'opportunità di correre nel Mondiale di categoria 2022

Share


Il progetto Team PTR-Triumph nell'ambito del British SuperSport 600 sta iniziando a prendere forma. Sfumato a sorpresa l'accordo con Randy Krummenacher, nelle scorse ore la formazione capitanata da Simon Buckmaster ha annunciato il nome del primo pilota: sarà Kyle Smith a portare al debutto l'inedita 765. Oltre alla volontà di stupire e puntare al colpo grosso già in questa stagione, per l'inglese l'occhio è rivolto al Mondiale 2022.

Un pilota dalla grande esperienza

Malgrado sia nato ad Huddersfield, per Kyle Smith si tratterà dell'esordio assoluto nel campionato d'oltremanica. Trasferitosi a sette anni con la famiglia in Spagna, il 29enne vanta apparizioni in Moto2, CEV Moto2, FIM EWC e World SS600. Dopo aver preso parte alla gloriosa 24 Ore di Le Mans, nel 2020 è anche salito sulla YZF-R6 del Team GMT94 in sostituzione dell'infortunato Jules Cluzel. Sebbene abbia disputato soltanto quattro gare, Kyle Smith si è reso protagonista grazie alla Superpole e al doppio podio messi a referto tra Montmelò e Magny Cours.

Le dichiarazioni di Smith

Conclusa una pazza annata, la prossima stagione Kyle Smith avrà il compito di sviluppare la Triumph 765 nel British SS600. Non solo perché, a meno di clamorose sorprese, l'inglese sarà presente al via del Mondiale di categoria 2022 sempre con il Team PTR. La stessa squadra con la quale ha corso in tale contesto nel 2016 e 2018, con due vittorie e un terzo posto all'attivo.

“Sono felice di tornare nel Team PTR con questo nuovo progetto - ha detto Kyle Smith - farò parte di una compagine completamente britannica. Tuttavia, Donington Park a parte, nonostante sia inglese, non ho mai corso sulle piste del Regno Unito. Non sarà facile, ma mi aspetto un anno fantastico

Articoli che potrebbero interessarti