Tu sei qui

Royal Enfield, la moto elettrica arriva nel 2024?

La prima moto elettrica Royal Enfield si avvicina ma per il suo debutto dovremmo attendere ancora tre anni.

Moto - News: Royal Enfield, la moto elettrica arriva nel 2024?

Share


Royal Enfield lavora su una moto elettrica dal 2018, nel frattempo diversi prototipi sono scesi in strada per i test di affidabilità. Questa estate anche il CEO del marchio indo-britannico si era sbilanciato affermando che un modello ad alimentazione elettrica sarebbe arrivato presto.

Ancora sconosciuto lo stile, ma secondo le speculazioni dovrebbe essere sulla base della Classic.

Elettrico ma con stile classico

Affiorano ulteriori informazioni riguardo la prima moto elettrica Royal Enfield. Ormai dobbiamo convincerci che chi prima, chi poi, tutte le case costruttrici avranno un modello elettrico a listino.

Royal Enfield è al lavoro da qualche anno e secondo i rumors, mancherebbero circa tre anni al debutto.

Stile ed estetica restano top secret, tuttavia seguendo le speculazioni sembra che sia la Classic la deputata ad aprire questa strada, un modello storico che per rispondere alle dinamiche di mercato, ma anche alle tendenze e alla burocrazia, si vede costretta a riconvertirsi.

Ad enfatizzare la nuova natura del modello, politically correct e e tecnologica, una verniciatura adatta e un impianto luci full LED, come l'ha immaginata il sito indiano electricvehicle.in.

Al posto del propulsore termico, un pacco batteria non rimovibile ma disegnato per armonizzarsi con il look della Classic, ovvero rispettando il DNA di Royal Enfield.

Tra concorrenza e filosofia

Progettare una moto elettrica non è così banale. Oltre a sviluppare una unità che permetta di garantire una buona autonomia, si deve anche fare i conti con la propria filosofia di mercato.

I modelli Royal Enfield infatti si sono sempre caratterizzati per il rapporto qualità/prezzo particolarmente competitivo, data anche la limitata gamma di motori che va dai 350 cc fino ai 650 cc.

Al momento invece, i modelli di moto elettriche non vanno in questa direzione ma si posizionano su una fascia di prezzo medio-alta.

Ecco perché, con l’attenzione di Royal Enfield a di mantenere un’offerta basata su listini accessibili a tutti, l’esordio nel mondo dell’elettrico non è certo cosa facile.

La casa anglo-indiana otrebbe introdurre diverse varianti elettriche sulle piattaforme ICE come un modo per risalire la curva di apprendimento prima di progettare una piattaforma dedicata per le moto elettriche, congiuntamente con il centro tecnologico di Royal Enfield nel Regno Unito.

Altre conferme

Il progresso nello sviluppo di una moto elettrica arriva anche dall'azionariato di Royal Enfield: infatti è stato Siddhartha Lal, MD e CEO di Eicher che possiede Royal Enfield, a confermato nuovi dettagli sul progetto della motocicletta elettrica in una intervista a Economic Times pubblicata il 1° dicembre 2020.

Siddhartha Lal ha affermato che Royal Enfield non sarà certamente la prima azienda a introdurre una motocicletta elettrica poiché il team incaricato dello sviluppo di veicoli elettrici sta studiando il mercato e comprendendo la tecnologia elettrica.

Però ha confermato che l'esistenza di un team completo in azienda per i veicoli elettrici e che sono impegnati con l'assemblaggio di prototipi, per le prime fasi di sviluppo.

Nessuna indicazione invece circa lo stile della moto, e ci viene in mente l'ultimo concept di Royal Enfield, la conturbante Concept KX presentata a Eicma 2018.

La casa indo-britannica non dimostra fretta, anzi si dimostra molto pragmatica sebbene i team di sviluppo stiano lavorando freneticamente su di essa.

Anche perché il bando dei motori termici in India parte dal 2025.

Articoli che potrebbero interessarti