Tu sei qui

Harley-Davidson, dalla QJ Motor SRV300 la futura entry-level?

È quasi pronta la cruiser di QJ, con motore V2 e un'estetica molto simile alla Sportster: il preludio alla piccola Harley entry-level?

Moto - News: Harley-Davidson, dalla QJ Motor SRV300 la futura entry-level?

Share


La storia è complessa e ci sono diversi attori coinvolti, da Milwaukee all'India, fino alla Cina, una dinamica che rispecchia il recente passato di Harley-Davidson, con piani industriali cancellati, riveduti e corretti. Vediamo cosa sta succedendo.

Una piccola V2 in arrivo?

QJ Motor, partner di Benelli, di proprietà del gruppo cinese Qianjiang, a sua volta è controllata dal Geely Holding Group, sarebbe in procinto di presentare una nuova cruiser con motore V2 e stile che strizza l'occhio alla Sportster.

D'istinto, viene da pensare che sia frutto dell'accordo industriale fra Qianjiang e Harley-Davidson, nato ancora durante l'era del precedente CEO di Harley, Matt Levatich.

Molti dei modelli previsti dal suo piano però sono stati passati dal colpo d'ascia del suo successore, Jochen Zeitz, che ha visto e rivisto ogni strategia della casa di Milwaukee, fino a tagliare il 30% con una razionalizzazione che ha portato a tagliare il 30% dei modelli, comprese le Sportster.

Sembra però che la moto di piccola cilindrata che dovrebbe nascere in collaborazione con Qianjiang non sia proprio stata depennata dalla lista, anche perché il progetto era già avanzato, fino a dare anche un nome al modello, ovvero 338R e a depositare anche i disegni del brevetto, basato sul bicilindrico parallelo e sul telaio della 302S di Benelli.

La 338R è una tracker pura, che richiama anche un pezzo di storia di Harley-Davidson, che per il momento vive grazie alle capacità di un'azienda italiana.

L'alternativa

Come detto all'inizio, ora QianJiang sta preparando un nuovo modello con motore bicilindrico a V che potrebbe essere la base ideale per una piccola Harley entry-level.

Per ora non si è visto nulla di definitivo ma solo una sagoma, apparsa in un breve video pubblicato sui social media in Cina e sotto forma di disegno.

È ben visibile però il marchio "QJMotor di Qianjiang e il nome SRV300 sull'airbox, mentre gli altri elementi, comprese le ruote e i freni, assomigliano molto ai componenti già utilizzati sulla Benelli 302S.

Il motore bicilindrico a V però è nuovo, così come la sospensione posteriore composta da due ammortizzatori e lo stile classico di una cruiser USA nello stampo della Sportster di Harley-Davidson.

La cilindrata di 300 cc è suggerita dal nome della moto ma potrebbe trattarsi anche di un 350 cc.

Non ci sono ancora informazioni ufficiali sulla moto ma schiarendo gli screenshot dal video diventa chiaro che mentre le immagini inizialmente sembrano schizzi, per alcuni elementi potrebbero essere componenti reali, incluso il motore V-twin.

Le influenze tra i marchi di Qianjiang, QJ Motor e Benelli, sono evidenti nella produzione del gruppo cinese, ma se il primo è rivolto più al mercato cinese, quello italiano invece si rivolge all'occidente, per storia e tradizione.

Ecco perché allora, se mai dovesse trattarsi di un modello pre-serie, è probabile che appaia in Europa con un marchio diverso e potrebbe essere il candidato perfetto per diventare la Harley entry-level sia per i mercati emergenti, perché è improbabile che Harley scelga di vendere il tracker 338R nei mercati occidentali.

Dimmi dell'India

Perché questa storia dovrebbe passare per l'India? Perché recentemente Harley-Davidson ha stretto una partnership a doppio canale con Hero MotoCorp: da una parte Hero distributore delle moto americane in India, dall'altra Harley-Davidson fornitore di conoscenze tecniche per lo sviluppo della gamma delle moto indiane.

Accordo nato dopo mesi di speculazioni in seguito all'importante cambiamento nella produzione e nelle vendite chiudendo la sua fabbrica indiana di Bawal.

Una decisione che aveva allarmato non poco i 33 concessionari monomarca operanti in India e gli oltre 25.000 proprietari di Harley.

Risulta curioso come Harley-Davidson mantenga due accordi con due aziende concorrenti in un mercato molto importante come quello asiatico.

Articoli che potrebbero interessarti