Mercato auto: 2020 disastroso, con vendite a -27,9%

Finalmente si chiude una delle peggiori annate di sempre, ma anche per il 2021, non c'è da stare tranquilli

Share


Parlando di mercato auto, che il 2020 si sarebbe chiuso in negativo, lo sapevano tutti. Archiviamo dunque un anno a dir poco allucinante per numeri di vendite. Diamoli, questi "due numeri": 1.381.496, sono le immatricolazioni delle automobili. -27,93%, è la percentuale di vendite in meno rispetto ai dati registrati nel 2019. Una tragedia, confermata dal mese di dicembre che ha segnato un ulteriore -15%, viste le 120.000 immatricolazioni scarse.

Federauto ha comunicato i dati che purtroppo sono tutto, tranne che positivi. Una nota congiunta, rilasciata da Unrae, Federauto ed Anfia, lascia poche speranze anche per il prossimo anno: “Archiviamo il 2020 come l’anno più difficile del dopoguerra per il settore, ma guardiamo al 2021 con fiducia, grazie alle misure entrate in vigore con l’inizio del nuovo anno – ha commentato il Presidente di Anfia, Paolo Scudieri – Per la prima volta la manovra ha finalmente incluso anche un intervento a supporto della ripresa del mercato dei veicoli commerciali leggeri”. In effetti, gli ecoincentivi dovrebbero aiutare un mercato decisamente in sofferenza, ma solo vivendo, scopriremo cosa accadrà.

Elettrificate su tutto

L'unico dato in crescita, è quello relativo alle immatricolazioni delle automobili elettrificate. Le ibride full sono praticamente raddoppiate: da 110.024 del 2019 a 223.321 del 2020. Le ibride ricaricabili, sono passate da 6.540 (2019) ad addirittura 27.408 (2020). Infine le elettriche, registrano da 10.577 a 32.538 immatricolazioni. Chiaramente, il calo lo si è registrato con le auto a combustibile fossile. Le benzina? Da 853.814 a 523.140. Le diesel? Da 771.731 a 461.274. LeGPL? Da 136.804 a 94.260. Le metano? Da 38.622 a 31.613. Andando ad analizzare il totale delle vendite di benzina e diesel, nel 2019 un 84,3%, scopriremo come nel 2020 siano scese al 68,6%.

FCA, è prima

Oggi, si può solo e si deve parlare di "successo dei Gruppi". Naturalmente, la voce grossa l'ha fatta FCA, al primo posto. Anche qui però, si sono registrati dei cali, passando da 454.684 immatricolazioni nel 2019, a 332.983 nel 2020, dato che, a conti fatti, registra un -26,77%. Il Gruppo Volkswagen? Da 295.096 a 225.052, con un calo totale del 23,74%. Peggio il Gruppo PSA, con un nefasto -31,28% (da 297.572 a 204.502). Citiamo poi in quarta posizione il Gruppo Renault (-29,67%) ed in quinta posizione Ford (-26,93%). 

Fiat Panda, sono la "più forte"

Qual è l'auto più venduta d'Italia nel 2020? Neanche a dirlo, Sua Maestà Fiat Panda! Una conferma, grazie alle 110.465 unità registrate, in ogni caso molto meno delle 2019, con 138.132 pezzi. Al secondo posto, troviamo la Lancia Ypsilon (da 58.759 del 2019 a 43.033 pezzi). Terzo gradino del podio per la Fiat 500X, che scalza la Dacia Duster. Quarto posto per la Renault Clio (nel 2019 era quinta).

Articoli che potrebbero interessarti