Tu sei qui

Price e KTM si prendono la 2^ tappa alla Dakar, sprofondano Brabec e Honda

L'australiano conquista la prova odierna e sale al comando della generale, l'americano incassa invece oltre 18 minuti, Gerini migliore italiano

Dakar: Price e KTM si prendono la 2^ tappa alla Dakar, sprofondano Brabec e Honda

Share


Jeddah-Bisha, 623 chilometri di cui 277 su tratto cronometrato. Con la speciale odierna la Dakar entra finalmente nel vivo e i protagonisti escono allo scoperto. È il caso della KTM di Toby Price, che nella giornata di domenica cattura tutti i riflettori della scena.

Il pilota australiano ha infatti recitato la parte di protagonista in questa speciale, prendendosi la vetta della corsa al 135° chilometro, senza più farsela sfuggire fino al traguardo. Una prestazione maiuscola quella del portacolori KTM, che oltre a chiudere la prova in 3:18’26” davanti a Benavides, si prende pure la vetta delle generale.

Di più non poteva quindi aspettarsi l’alfiere della Casa austriaca, in una giornata in cui le Honda sono state costrette a inseguire. Per maggiori informazioni chiedere a Brabec e Barreda, che hanno dovuto pagare a caro prezzo il compito di fare da apripista dopo il primo e secondo posto di ieri, incassando oltre 18 minuti dalla vetta. Nella generale l’americano è addirittura 24°, mentre 18° lo spagnolo.

In casa Honda non resta quindi che consolarsi con la seconda posizione di Benavides, mentre in terza e quarta piazza nella generale compaiono le KTM di Walkner e Sunderland. Stupisce poi il quinto tempo di un sorprendente Lorenzo Santolino con Sherco, mentre settimo Xavier de Soultrait, che aveva comandato la prova odierna fino al chilometro numero 92 per poi lasciare il testimone a Price.

Giornata in ombra per Pablo Quintanilla, addirittura 20° con 15 minuti di ritardo, così come per Daniel Sanders, ieri terzo e oggi 25° complice una penalità di sette minuti.

Per quanto riguarda i nostri italiani, il migliore è Maurizio Gerini, autore del 38° tempo, mentre 60° Franco Picco, poi Cesare Zacchetti e Tiziano Interno. Seguono Catanese, 71°, incalzato da Stigliano e Piolini. Domani la carovana farà tappa a Wadi Ad-Dawasir.

Articoli che potrebbero interessarti