Magni Italia 01/01: l’eterna interpretazione della MV Agusta di Agostini

Un omaggio ad Arturo Magni, con motore MV Agusta Brutale 800cc 3 cilindri. L'artigiano italiano, stupisce ancora una volta

Share


Ogni volta che si parla di Magni, batte forte il cuore. Il fascino del vintage rivisto in chiave moderna, è sicuramente la carta di identità di questo marchio italiano. Così, a cinque anni dalla scomparsa di Arturo Magni, la Magni, desidera rendergli omaggio. Arturo è stato il fondatore dell’azienda, ma molto prima ha iniziato la sua avventura nel settore motociclistico alla Gilera, per poi approdare nel 1950 alla MV Agusta, dove ha rivestito l’incarico di direttore del Reparto Corse fino al 1976, anno di chiusura dello storico Reparto.

Arturo ha dato il suo contributo attivo alla vittoria di 37 titoli mondiali marca e 38 titoli mondiali piloti, accumulando anni di ineguagliabile esperienza, che poi ha riversato nell’attività dell’azienda da lui avviata nel 1977. Ha realizzato le sue moto infondendo un carattere distintivo ed unico, facendo traspirare il profondo legame con il marchio MV Agusta e con la storia motociclistica italiana.

Italia 01/01: "cuore rosso"

Linea ed impostazione sportiva, con richiami evidenti allo stile delle moto anni ’60 e ‘70, e colore rosso, simbolo delle vittorie delle moto e auto italiane nel mondo, hanno caratterizzato i più importanti progetti. Oggi si vuole ricordare e valorizzare il lavoro di Arturo presentando questo nuovo modello, Italia 01/01 con motore MV Agusta Brutale 800cc 3 cilindri. La ciclistica è realizzata da Magni con aggiornamenti nelle geometrie e una linea caratterizzata da un particolare che è stato presente in molti modelli pensati da Arturo. Il telaio, un tubolare a doppia culla aperta, è in tubi acciaio 25CrMo4.

Alle linee della sella e serbatoio, che richiamano le forme delle MV Agusta da corsa, è stata infatti accoppiata una nuova semicarenatura, disegnata appositamente per questo modello, molto filante e allo stesso tempo leggera nelle forme. La semicarenatura è un accessorio che Arturo ha voluto in tanti suoi modelli perché “pur dando un aspetto sportivo alla moto lascia in vista tutta la bellezza della struttura meccanica del propulsore”. Per rendere ancora più esclusivo il nuovo modello, Magni ha utilizzato il meglio della produzione nazionale per la componentistica.

Motore realizzato da MV Agusta. Impianto frenante, con dischi flottanti da 320mm e pinze a 4 pistoni, della Brembo. Reparto sospensioni con forcella dalle linee classiche, che ricorda le storiche forcelle da GP anni 70, realizzata in esclusiva da Oram. Ruote a raggi di JoNich Wheels, progettate appositamente e predisposte per utilizzo pneumatici tubeless (Metzeler Racetec RR K1). Manopole gomma dal disegno tipico anni ’70 di Ariete Sandro Mentasti.

Articoli che potrebbero interessarti