MotoGP, VIDEO - Pernat: "Dovizioso è rimandato, ma ha colpe anche la Ducati"

"Morbidelli è il vincitore morale di questo campionato. Mir è promosso, ma solo il prossimo anno capiremo quanto si sia meritato il titolo"

Iscriviti al nostro canale YouTube

Share


Carlo Pernat era salito in cattedra già la settimana scorsa (se ve lo siete perso, trovate il video QUI) per promuovere e bocciare il protagonisti della MotoGP, nel Bar Sport virtuale in compagnia di Paolo Scalera e Matteo Aglio. Il suo lavoro però era rimasto a metà.

Mancava la cosiddetta parte alta della classifica e il manager genovese non si è tirato indietro e affrontato i primi 10 piloti del campionato, bocciandoli, rimandandoli e, naturalmente, promuovendoli.

Qui sopra potete vedere il video integrale, di seguito i giudizi sui migliori piloti del 2020.

“Nakagami è rimandato: non ha passato l’esame della pressione”

Nakagami non ha fatto un brutto campionato, tutt’altro. Io direi che è rimandato di una materia, che è quella della pressione. Per il resto sarebbe stato abbondantemente promosso, ma ha patito la pressione nelle gare più importanti della sua carriera. Se avesse passato quell’esame sarebbe stato promosso a pieni voti”.

“Oliveira ha tutto per stare nei primi 5 nel 2021”

Promuovo Miguel Oliveira: avere vinto due Gran Premi è il segno che è un pilota che sa stare con i primi. Ha sfruttato una KTM che è cresciuta, ha dimostrato di essere un pilota veloce e con la testa, quella con Pol Espargarò per la leadership è stata una battaglia personale. Ha fatto qualche errore, ci sta, e se saprà imparare da quelli il prossimo anno lo vedremo nei primi 5 in campionato”.

“Quartarato promosso per le vittorie, rimandato per la stagione”

Quartararo? Lo promuovo rimandandolo. Un pilota che vince 3 GP merita la promozione, quando è a posto è fortissimo. Lo rimando perché è impossibile che un pilota fra i favoriti del Mondiale faccia una stagione del genere dopo due gare, è inammissibile”.

“Miller è stato promosso dalla Ducati da tempo”

Miller è promosso con riserva di vedere cosa farà nel prossimo anno quando sarà nel team ufficiale. Ducati lo ha promosso ancora più di me e si aspetta che si giochi il Mondiale, quest’anno Jack gli ha permesso di vincere il titolo costruttori”.

“Vinales non ha nessuna attenuante: è bocciato”

Uso il solito aggettivo che ho usato spesso per Vinales: imbarazzante. Non gli si possono dare attenuanti, ha sempre qualcosa che non va. È bocciato e non so se Yamaha gli avrebbe fatto firmare un contratto di due anni dopo questa stagione, sono tutti molto delusi, soprattutto Lin Jarvis”.

“Pol Espargarò lo rimando al 2021 con Honda”

Per me Pol Espargarò è rimandato in attesa di capire quello che farà con la Honda il prossimo anno e ha una spada di Damocle sulla testa. Guardando quest’anno penserei a una bocciatura, perché Oliveira e Binder hanno vinto e lui no e questo conta”.

“Dovizioso rimandato, ma le colpe non sono solo sue”

Ci sarebbe tanto da dire su Dovizioso, lo rimando sperando che trovi una nuova commissione che lo interroghi, nel senso di una moto. Non lo boccio perché non è stata esclusivamente colpa sua, non è stato messo nelle condizioni psicologiche giuste. Non si può lasciare in attesa un pilota che conosci da 8 anni, quello l’ha svuotato. Dall’altra parte bisogna dire che un pilota con le palle le avrebbe messe su serbatoio per giocarsi il Mondiale fino alla fine e questo non è successo”.

“Alex Rins deve arrabbiarsi con se stesso”

Alex Rins lo rimando non tanto per l’infortunio alla spalla, ma per le due asinate che ha fatto quando era guarito. Lui lo sa, se non le avesse fatte il Mondiale era suo, ma deve arrabbiarsi con se stesso”.

“Morbidelli è il vincitore morale di questo Mondiale”

A Morbidelli do un 10. Sono un suo tifoso e mi ha stupito non per la sua guida ma per la sua testa, non patisce nulla e nessuno, neanche Quartararo. Franco è il vincitore morale di questo Mondiale”.

“Il prossimo anno capiremo se Mir si sia meritato questo Mondiale”

Mir è chiaramente promosso, ha dimostrato di essere un gran pilota. È vero che ha fatto una bruttissima gara a Portimao dopo il titolo, ma parliamo di una ragazzo giovanissimo che ha affrontato una grande pressione. Il prossimo anno capiremo ancora di più se Joan si è meritato questo Mondiale.

Articoli che potrebbero interessarti