Audi A3 Sportback 45 TFSI E 2021: il Plug-In si fa sportivo - caratteristiche e foto

Look aggressivo, motore 1.4 e 245 CV totali. Ecco come la Casa dei Quattro Anelli "vede" una ibrida per divertirsi su strada. Non mancano freni maggiorati e frenata elettroidraulica di derivazione e-tron

Share


Se amate la guida sportiva, ma cercate una auto ibrida, ecco ciò che fa per voi. La Casa dei Quattro Anelli amplia la gamma plug-in presentando la versione più performante di Audi A3 Sportback PHEV. La variante 1.4 (45) TFSI e S tronic può contare su di una potenza complessiva di 245 CV, 400 Nm di coppia e uno scatto da 0 a 100 km/h in 6,8 secondi a fronte di percorrenze WLTP, a batteria carica, sino a oltre 83 km/l. Autonomia elettrica sino a 61 chilometri e design sportivo.

Prestazioni interessanti

Come anticipato in apertura, la nuova Audi A3 Sportback 1.4 (45) TFSI e S tronic offre prestazioni davvero interessanti. Condivide infatti con la variante 40 TFSI e da 204 CV, già a listino, il powertrain composto da un 4 cilindri 1.4 TFSI – turbo a iniezione diretta della benzina – da 150 CV e 250 Nm di coppia e da un propulsore elettrico del tipo sincrono a magneti permanenti. La trazione è anteriore, mentre l’unità a zero emissioni può contare su 109 CV e 330 Nm ed è integrata, insieme a una frizione di separazione, nel cambio S tronic a 6 rapporti. 

Il motore termico 1.4 TFSI e il propulsore elettrico erogano complessivamente 245 CV e 400 Nm di coppia. La potenza e coppia supplementari (rispettivamente + 41 CV e + 50 Nm) rispetto alla variante 40 TFSI e sono dovute a una specifica gestione software. Audi A3 Sportback 1.4 (45) TFSI e S tronic scatta così da 0 a 100 km/h n 6,8 secondi e raggiunge la velocità massima di 232 km/h. Velocità massima che, in modalità puramente elettrica, tocca i 140 km/h: un valore al top tra le compatte plug-in.

I consumi nel ciclo combinato WLTP, a batteria carica, si attestano a 1,2 – 1,3 litri ogni 100 chilometri a fronte di emissioni di 29 – 31 grammi/km di CO2. L’efficienza del sistema plug-in di Audi A3 Sportback 45 TFSI e, omologata nel rispetto della più recente normativa antinquinamento WLTP 3.0, si traduce nella possibilità di percorrere la maggior parte dei tragitti quotidiani senza emissioni, grazie all’autonomia elettrica sino a 61 chilometri WLTP.

Batteria al litio da 13 kWh e ricarica completa in 5 ore

La batteria agli ioni di litio è caratterizzata da 96 celle prismatiche e accumula 13 kWh. La massima potenza di ricarica si attesta a 2,9 kW in corrente alternata. Attingendo energia a un impianto domestico standard a 230 Volt è possibile ripristinare integralmente l’autonomia elettrica della vettura in cinque ore. Per facilitare ulteriormente la vita di quanti guidano in modo sostenibile, #audi agevola l’accesso all’infrastruttura di ricarica sia pubblica sia privata. Nel primo caso, i Clienti possono “rifornire” in tutta comodità durante il viaggio grazie al servizio Audi e-tron Charging Service. Quanto all’ambito privato, in collaborazione con il partner Alpiq e AGN Energia, Audi propone l’unica soluzione di ricarica domestica 100% sostenibile per la mobilità plug-in. Il pacchetto “all inclusive” prevede un sopralluogo gratuito effettuato da una rete di tecnici specializzati, incaricati di redigere un preventivo lavori per l’installazione del sistema di ricarica Audi, oltre all’accesso a una tariffa flat. Tale tariffa, denominata easy home charging, è proposta a 110 euro al mese (IVA e imposte escluse) per una fornitura di energia – esclusivamente da fonti rinnovabili – sino a 5.000 kWh in 12 mesi. Con una spesa quotidiana di 4,40 euro è possibile ricaricare integralmente, ogni giorno dell’anno, l'automobile. 

Look sportivo e freni maggiorati

Audi A3 Sportback 1.4 (45) TFSI e S tronic, proposta nel solo allestimento top di gamma S line edition, può contare su di un design sportivo. Il pacchetto look nero, di serie, prevede finiture total black per la cornice del single frame, le modanature ai finestrini e gli inserti lungo i paraurti, cui si aggiungono la verniciatura in nero delle calotte dei retrovisori laterali e i cristalli posteriori oscurati. A richiesta, sono disponibili i proiettori a LED Audi Matrix che integrano le luci diurne a elevata digitalizzazione: una matrice luminosa, composta da 15 diodi, genera un motivo specifico a forma di E, distintivo della tecnologia plug-in. 

Parzialmente celati dai cerchi in lega da 18 pollici, di serie, spiccano i dischi freno maggiorati rispetto alla variante 40 TFSI e, caratterizzati dal diametro di 340 mm all’avantreno e 310 mm al retrotreno e assistiti dalle pinze a finitura rossa. I sedili sportivi con poggiatesta integrati completano la dotazione distintiva della vettura che condivide con la versione 40 TFSI e le soluzioni di infotainment, collegamento in rete e assistenza alla guida caratteristiche della quarta generazione della compatta dei quattro anelli. 

Frenata elettroidraulica

Il guidatore può decidere liberamente se e come intervenire nell’interazione tra il propulsore termico e il motore elettrico. A tal proposito, sono disponibili i programmi di marcia “EV”, “Auto”, “Battery hold” e “Battery charge” che danno rispettivamente priorità alla trazione elettrica, alla modalità ibrida automatica, al risparmio d’energia a vantaggio di una successiva fase di viaggio oppure alla ricarica della batteria. 

Tramite il sistema Audi Drive Select, il conducente ha a disposizione i classici programmi di guida auto, comfort, dynamic, efficiency e individual che permettono di incidere sull’erogazione, la soglia d’interazione tra i motori, gli innesti della trasmissione S tronic e la taratura dello sterzo. Il sistema di recupero dell’energia deriva da Audi e-tron, prima vettura integralmente elettrica dei quattro anelli. La frenata elettroidraulica vede il motore a zero emissioni, chiamato ad agire quale alternatore, occuparsi delle decelerazioni lievi: le più frequenti nella marcia quotidiana. Le frenate di media intensità, oltre gli 0,3 g, sono gestite congiuntamente dall’unità a zero emissioni e dai freni tradizionali, oppure esclusivamente dall’impianto idraulico. Il passaggio dalla frenata elettrica a quella classica è pressoché impercettibile. 

Articoli che potrebbero interessarti