Prova Tesla Model X: il SUV elettrico di Elon Musk. 0-100 in 4,6 secondi

Quanto costa e come va il bestione targato Tesla? Quanta tecnologia c'è a bordo e quanta autonomia si ha a disposizione? 

Share


Capiamoci, è un po’ vecchiotta visto che la data di presentazione di questa Model X risale al 2012, ma a vederla, soprattutto con le portiere ad ali di falco aperte, sembra più un’astronave di Space X che una automobile. Tesla però lavora così, essenziale sulla Model 3 (che vi abbiamo raccontato QUI) e quasi troppo esagerata sulla Model X. Il succo però è sempre lo stesso, dopo che si è saliti a bordo di una vettura del genere, dove tutto (o quasi) funziona alla perfezione e dove il sistema proprietario a servizio del guidatore e dei passeggeri fa da padrone, è impossibile anche solo pensare di tornare indietro. 

Esterni: sentirsi osservati

Partiamo dagli esterni, l’auto è bella, davvero bella e si fa notare un po’ dappertutto. Dal centro città ai paesini di montagna. Poco più di 5 metri di lunghezza per una larghezza che sfiora i 2 metri, è alta 168 cm e pesa la bellezza di 2459kg. All’anteriore spicca un design abbastanza futuristico con la calandra schiacciata e pure belli gruppi ottici a LED che illuminano davvero molto bene anche in condizioni di buio estremo. Cliccando sul logo Tesla della chiave, che è una riproduzione in scala della Model X, si apre il cofano che non racchiude il motore ma un bauletto.

Spostandoci sul lato troviamo le portiere che si possono aprire con svariati modi: dall’utilizzo della chiave, al display centrale fino alla pressione delle “maniglie invisibili”. L’apertura è automatica come anche la chiusura in certi contesti, sia davanti che dietro con le ali di falco che fanno sempre una gran scena. Ecco, forse la molteplicità di metodi e modalità di apertura delle portiere è il perfetto esempio di quando diciamo che questa Model X è “esagerata”: tutto funziona alla perfezione ma è quasi troppo e si rischia di andare in confusione. 

Dietro, al posteriore, troviamo lo spoiler, il bagagliaio da 357 a 2492 litri (a seconda dell’abbattimento o meno dei vari sedili) con apertura automatica e all’interno i due posti aggiuntivi, perché quella che abbiamo provato è la versione a sei posti. Sotto al bagagliaio il “ripostiglio” dei cavi di ricarica. 

Interni: eleganza e tecnologia esagerati

Prima di passare alle sensazioni di guida e alle incredibili prestazioni di questa Model X è bene indagare gli interni dove regna la comodità più assoluta. Nella versione che abbiamo provato tutti e sei i posti sono larghi, spaziosi e comodi con soprattutto i sedili anteriori molto avvolgenti e adatti per lunghi viaggi. I quattro sedili nelle prime due file sono controllabili elettricamente e anche riscaldabili. Per il sedile del guidatore si possono impostare vari profili per far si che la nostra posizione di guida venga ricordata dal sistema.

E veniamo proprio al sistema, con lo schermo touch da 17 pollici verticale, incorniciato in un tripudio di eleganza. Tesla utilizza un sistema proprietario all’interno delle sue vetture e l’efficienza di questa distro di Linux non fa rimpiangere Car Play e Android Auto. Per saperne di più vi invitiamo a cliccare QUI dove, nel video della Model 3 vi abbiamo spiegato quasi tutto. A differenza della Model 3 dove è presente la barra laterale nel display orizzontale, questa X ha anche una sorta di "virtual cockpit" che ci da tutte le informazioni dai radar alla guida e molti altri dati a vettura ferma, anche questa una gran comodità. Un altro video interessante su questa Model X è quello dei test per la valutazione della vettura secondo le certificazioni NCAP (QUI IL LINK). La Model X, infatti, si è classificata al primo posto in classifica per le vetture più sicure del 2020 nella categoria SUV. 

Prestazioni e sensazioni di guida: 0-100 in 4,6 per due tonnellate e mezzo di peso

Passiamo ora al vero succo di questo racconto della Model X. Il SUV di Elon Musk è sicuramente imponente e pesante e data la sua stazza si sentono decisamente i trasferimenti di peso durante la guida che però rimane sempre confortevole data la silenziosità del motore elettrico e le sospensioni pneumatiche regolabili e adattive. La Model X si guida bene, poco da dire, serve qualche ora al volante (se non avete mai provato una elettrica) per abituarsi alla frenata rigenerativa, presente su quasi tutte le elettriche ma così sofisticata davvero in pochi modelli. Definirla guida “one pedal” è forse un po’ troppo ma è anche vero che il freno lo userete davvero poco.

Passando alle prestazioni basta un dato: 0-100 km/h in 4,6 secondi per un’auto che pesa quasi due tonnellate e mezzo. Numeri da paura come anche spaventosa è la sensazione in accelerazione: la ripresa attacca al sedile in modo deciso e netto ma è sempre molto controllabile. La Model X, infatti, risulta sempre nelle mani del conducente che può sfruttare in ogni momento la coppia non dichiarata di circa 745 Nm e i 475CV di questo bestione. 

Il capitolo ADAS in realtà non è ampissimo come vorremmo perché questa Model X ha tanto potenziale che però risulta un po’ strozzato dalle normative del codice della strada. Vi spieghiamo solamente il cruise control adattivo: sempre efficace, sicuro e comodo. La Tesla Model X è piena di sensori e telecamere, che ci avvisano della distanza da qualsiasi ostacolo o oggetto segnalandoci addirittura i centimetri. Per tutto il resto vi rimandiamo al video della Model 3. 

Autonomia e ricarica: 561km

Parliamo ora di autonomia, prezzi e ricarica. La Casa americana dichiara 561km di autonomia nel ciclo WLTP. Il dato non è in discussione, si può fare dopo aver capito tutte le dinamiche e gli stratagemmi per arrivare ad ottimizzare l’autonomia, ma la realtà è che, come per tutte le elettriche, i numeri variano molto a seconda dello stile di guida e delle modalità di utilizzo. Diciamo che con un utilizzo “non da pista” i 480km sono davvero il minimo che potreste raggiungere, il massimo varia, appunto, da guidatore a guidatore. Come sempre la rete di Supercharger Tesla con ricarica superveloce non fa dell'autonomia una preoccupazione in senso assoluto, è un servizio davvero importante.

Prezzi e versioni

La Tesla Model X Long Range parte da 94.990€ con la versione a 6 posti (quella da noi provata) che costa 7000€ in più. Per i 7 posti bisogna aggiungere, invece, 3800€. Concludiamo questa recensione esattamente come l’abbiamo iniziata: impossibile tornare indietro non tanto per la Model X, che sicuramente è comoda, quanto per la tecnologia e l’esperienza di guida di questo genere di vetture. 

Articoli che potrebbero interessarti