Tu sei qui

Zeeho Cyber, il primo scooter elettrico di CFmoto

CFmoto, costruttore cinese partner di KTM, debutta nella mobilità elettrica con il marchio Zeeho dedicato agli scooter elettrici.

Moto - News: Zeeho Cyber, il primo scooter elettrico di CFmoto

Share


L'annuncio è stato fatto ieri a Pechino, in occasione della presentazione da parte di CFmoto dello scooter elettrico Zeeho Cyber, un concept che con ogni probabilità è destinato alla produzione di massa e rappresentare la prima offerta mainstream del nuovo marchio cinese.

Differenziazione

Dopo poco più di 30 anni dalla sua fondazione e oltre 600 mila motori e veicoli prodotti, CFmoto debutta nella mobiltià elettrica con un marchio dedicato e uno scooter: lo Zeeho Cyber.

I pionieri occidentali hanno aperto la strada alle tendenze eco e alla loro industrializzazione, e per CFmoto non è mai troppo tardi per entrare in un nuovo mondo e il concept Cyber è solo l'inizio.

Per ora resta un concpet sul quale però sono stati resi noti così tanti dettagli sulle prestazioni, da far pensare a una vicina produzione.

Le specifiche tecniche dello Zeeho Cyber sono piuttosto impressionanti e migliori di molti degli attuali scooter elettrici.

Caratteristiche

Utilizza un pacco batterie agli ioni di litio da 4 kWh che invia potenza a un motore ad alta efficienza con un tasso di conversione dell'energia del 92%.

Il "gruppo propulsore Cobra" è azionato da un motore da 10 kW, certificato IP67, raffreddato ad acqua, montato in posizione centrale, che eroga una straordinaria coppia di 213 nM che spinge il veicolo da 0 a 50 km/h in soli 2,9 secondi e una velocità massima di 110 km / h e ha un'autonomia di oltre 130 km.

È in grado di generare 13,4 CV di potenza massima, che può essere sostenuta per periodi più lunghi senza il rischio di surriscaldamento o di danneggiare la batteria o il motore. La coppia massima disponibile alla ruota è di 213 Nm.

Il suo pacco batterie può funzionare a temperature comprese tra -20° e 55°, caratteristica che lo rende adatto per la maggior parte del mondo.

La batteria del concept scooter Cyber può essere ricaricata 2.500 volte, ovvero circa 8 anni di durata ed è dotata di ricarica rapida, consentendo agli utenti di caricare l'80% in soli 30 minuti circa.

Per garantire la massima sicurezza lo Zeeho Cyber ​è dotato del controllo di stabilità motorizzato Bosch, controllato tramite il sistema proprietario Zeeho "Just ride", offrendo ai motociclisti la scelta di tre modalità di guida: Eco, Street e Sport. 

I dischi Brembo da 215 mm forniscono tutta la potenza di arresto necessaria, inoltre sei telecamere ad alta risoluzione forniscono un sistema di allarme ostacoli a 360°.

Parlando di dotazioni invece, lo Zeeho (che assonanza con il marchio americano Zero) Cyber ha tutto quello che serve per esser considerato moderno, o per lo meno attuale a partire dal design, pulito e minimalista, con un mix di tagli netti e curve morbide, mentre la ruota posteriore è posizionata più lontano della sezione di coda.

Il gruppo ottico è composto da fari, frecce e luci diurne a LED, il cruscotto è personalizzabile dall'utente ed è dotato di comunicazioni intelligenti, che abilitano funzioni come il sistema senza chiave (sblocco mobile), comandi vocali, diagnostica remota tramite l'app Zeeho e molto altro.

Inoltre, per garantire la sicurezza del veicolo, Zeeho ha installato un sistema di posizionamento che utilizza cinque sistemi di tracciamento in tempo reale (GPS, Beidou, Cellular, Galileo, Glonass) che possono essere tracciati utilizzando l'applicazione, che può anche fornire agli utenti un social networking 24 ore su 24. 

Rivale europeo in casa

Come ben si sa, CFmoto collabora con KTM e i due costruttori sono impegnati nello sviluppo di nuovi modelli.

Come ben si può vedere, lo Zeeho Cyber ha una linea che ricorda il prototipo già visto dello scooter elettrico KTM.

Il motivo è presto spiegato: entrambi sono stati sviluppati sul disegno di Kiska, azienda tedesca di design appartenente alla galassia Pierer come KTM e Husqvarna, e parte del progetto Emotion che è il punto di partenza del consorzio di aziende (insieme a Salzburg Research, TU Graz e Würzburg Institute for Transport Sciences) con il quale KTM si è unita e prevede, come primo risultato, la realizzazione di uno scooter elettrico che per il marchio austriaco dovrebbe essere prodotto dal 2022 in India dal partner Bajaj.

Chi è

CFmoto è una delle più grandi aziende asiatiche produttrici di motori, scooter, atv, SSV e imbarcazioni.

Fondata nel 1989 a Hangzou, ha una sede di oltre 200.000 mq., ha una capacità produttiva di oltre 600.000 motori e veicoli l'anno, distribuiti in 70 paesi del mondo, potendo contare su più di 3.000 dealer

Attualmente produce e commercializza motociclette per uso privato e flotte (si è anche dedicata alla realizzazione di navi da guerra) per le Forze dell’Ordine, veicoli fuoristrada, scooter, progettandone internamente i motori, gli accessori e i ricambi, puntando sempre su qualità e innovazione, diventando u n vero e proprio colosso a livello internazionale.

In Italia è presente dal 2018, con una gamma completa di moto che varia delle piccole monocilindriche 125 e 150 cc, alle medie bicilindriche da 650 e 800 cc.

Articoli che potrebbero interessarti