KTM 1290 Super Adventure: svelata in un brevetto la versione 2021

Un brevetto di un serbatoio sdoppiato ci dà la possibilità di ammirare in veste ‘definitiva’ la maxi-enduro austriaca nella rinnovata versione 2021. Scopriamo le novità osservando i disegni e raccogliendo le indiscrezioni trapelate. 

Share


KTM ha depositato un brevetto per un serbatoio, non collocato nella ‘classica’ posizione tra la sella ed il manubrio, bensì in una forma sdoppiata che 'inizia' nella conseuta posizione ma si sviluppa verso il basso sui entrambi i lati. Il serbatoio in stile rally non è una novità per la Casa di Mattighofen. Tra le recenti proposte della gamma Adventure infatti è presente sia nella ‘media’ 790 Adventure (poi cresciuta fino a 890) che nella ‘piccola’ 390 Adventure. Andando indietro nel tempo, tale soluzione la si trova già ad inizi anni 2000 con la 950 Adventure. Al di là delle peculiarità del brevetto, è interessante osservare le novità che saranno introdotte dalla nuova 1290 che proprio qualche giorno fa era stata avvistata negli ultimi collaudi su strada. Il motore dovrebbe essere il medesimo della versione attuale, ossia il bicilindrico a V di 75° da 1301cc, aggiornato alla normativa EURO5.

La sovrapposizione delle immagini tra le due versioni fa emergere alcune differenze. Partendo dall’anteriore, si nota un parabrezza di maggior dimensione e un’apertura sulla carena laterale per favorire la fuoriuscita di aria calda dal radiatore. Questo è stato reso possibile anche grazie alla nuova conformazione del serbatoio che, sviluppandosi verso il basso, tende ad abbassare il baricentro della moto e a ridurre l’ingombro laterale. La zona centrale è stata rivista nella conformazione del piano di seduta. Il forcellone è nuovo, caratterizzato da diverse nervature di rinforzo. Nuovo anche il telaietto posteriore, che risulta maggiormente visibile non essendo coperto da sovrastrutture. Il terminale di scarico, posto sul lato destro della moto, è cresciuto in volumetria a causa, probabilmente, dei vincoli tecnici imposti dalla nuove normative anti inquinamento. Altra novità molto interessante è il radar Bosch, dato quasi per certo nella dotazione della futura Austriaca, e necessario per non farsi trovare impreparati rispetto alla più aggiornata concorrenza (Ducati Multistrada V4, BMW R 1250 RT). Come da tradizione KTM ci si aspetta una doppia versione del modello in questione. La più stradale ‘S’ con cerchi in lega, anteriore da 19”, e la più specialistica ‘Rcon il 21” anteriore e cerchi a raggi. Particolare, perlomeno in fase di brevetto, la presenza nei disegni della scritta del marchio dei pneumatici: in questo caso Pirelli Scorpion Trail II.

I disegni del brevetto mostrano come la pompa del carburante sia installata, in basso, nella metà sinistra del serbatoio. Un tubo di collegamento tra le due metà, è posto in basso, e assicura un abbassamento bilanciato del livello carburante. Nei documenti è descritto, inoltre, il sistema di riempimento del serbatoio, il relativo sfiato (composto da tubi su entrambi i lati della struttura e da valvole) e dall' ancoraggio al telaio. Interessante anche la possibilità di sbloccare da remoto con una ‘smart key’ senza dover intervenire fisicamente sul tappo con la chiave meccanica. Ormai non ci resta che aspettare, a breve, il comunicato ufficiale KTM per conoscere tutti i dettagli del modello 2021.

Fonte: www.motorcycle.com/

Share

Articoli che potrebbero interessarti